venerdì 30 novembre 2012

Invito agli agricoltori: la PAC dopo il 2013

Per registrarsi al convegno cliccare qui: http://www.lapacdopoil2013.eventbrite.it/



Dacian_Ciolos[3]CATANIA, CON LUI PARLERO' DI RISORSE DESTINATE ALL'ITALIA
(ANSA) - BRUXELLES, 29 NOV - Il commissario europeo alla politica agricola comune, sara' in Italia il prossimo 14 dicembre per partecipare, in Sicilia, ad un evento organizzato dal relatore del bilancio europeo, l'europarlamentare Giovanni La Via (Pdl). Lo ha reso noto a Bruxelles il ministro delle politiche agricole e alimentari, Mario Catania, assicurando: ''saro' presente anch'io e ho gia' avvisato Ciolos che non potra' sfuggirmi''.
Con il commissario intendo parlare - ha spiegato Catania - ''su quanto deve venire all'Italia in termini di risorse, ma anche su tutte le questioni di negoziato che abbiamo aperto in quanto, se alcune abbiamo cominciato a risolverle, altre restano''. (ANSA).


Ri-propongo da oggi i vari post con i quali ho invitato il Commissario Europeo all'Agricoltura Dacian Ciolos, ed anche le varie email che ci siamo scanbiati
Ecco il primo: quello del 15 febbraio 2012: http://corvigo.blogspot.it/2012/02/invito-con-riserva.html
Nei prossimi giorni tutti gli altri.


Chi mi segue su Twitter, ieri sera si sarà accorto che mi sono scatenato a dare battaglia contro la firma sull’accordo UE-Marocco, accordo fortemente voluto dal Commissario Europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos.

Non si comprende il motivo perchè il Rumeno … voglia questo accordo ammazza-agricoltura a tutti i costi!
Che ci sia qualcosa sotto, qualcosa che nemmeno immaginiamo?
Certo è che per favorire due o tre persone … se ne ammazzano centinaia di migliaia!
E se questa è l’Europa … allora stiamone fuori: ieri l’on.le Giovanni La Via ha fatto fuoco e fiamme per convincere la maggioranza a non firmare quell’accordo!
Ma se chi deve tutelare la nostra agricoltura è, invece, colui il quale la ammazza … torniamocene alla nostra vecchia lira, alle barriere fitosanitarie, ai dazi doganali, alla chiusura dei mercati … e così sia!
Intanto ieri su Twitter ho invitato pubblicamente Dacian Ciolos a casa mia: voglio fargli passare un paio di giorni con me.
Programma della giornata:
- sveglia alle 04.00 (se non prima a causa di qualche furto notturno ed allarmi che suonano)
- passeggiata fra le piante di arance a -2°C, con geloni ai piedi e mani ghiacciati
- liti per la vendita delle arance
- passeggiata fra tappeti di arance a terra
- scorribande fra uffici dove la burocrazia impazza ed imperversa
- e per finire la mattinata … fila in tangenziale di Catania 
Il pomeriggio sarà più … facile … carte, carte e carte per PSR sempre in proroga “continuata ed aggravata”.
In ultimo, nella serata, passeggiata fra le “scaffe” ed i disservizi resici dallo Stato Italiano che si dimentica di noi!
Caro Dacian Ciolos … qua c’è il biglietto aereo … vieni che ti aspetto! Tutto spesato … tranquillo … tutto spesato!

Invito a cena per Dacian Ciolos ... ecco l'invito per tutti


Per registrarsi al convegno cliccare qui: http://www.lapacdopoil2013.eventbrite.it/

Nei prossimi giorni pubblicherò le email che ci siamo scambiati con il Commissario Dacian Ciolos, sin da metà febbraio scorso.

Il fantasma dell'IMU

paperon-de-paperoniIl saldo dell’IMU ha dell’incredibile!
Non solo i Comuni hanno effettuato aliquote differenziate per ogni classe di immobile, ma adesso i Commercialisti, a loro volta, stanno effettuando milioni e milioni di conteggi scaturenti dalle aliquote così determinate.
Nel frattempo emergono delle scandalose verità sui valori ‘fantasma’ appioppati sui terreni agricoli, valori su cui applicare l’iniqua e disastrosa tassa.
Faccio un paio di esempi dei valori catastali:

- seminativo asciutto 15.000,00 €/Ha
- seminativo irriguo 32.000,00 €/Ha
- oliveto 45.000,00 €/Ha
- agrumeto 65.000,00 €/Ha
E potrei proseguire, ma mi fermo con questi quattro dati … scandalosi … che il Governo Monti … abbia interpretato i valori di quando era in vigore la lira???
E … come la mettiamo con i VAM (Valori Agricoli Medi), dai quali si evince che i valori dei terreni, parlo per la nostra Regione Siciliana, sono indicati a meno della metà???
E … come la mettiamo innanzi al vero mercato fondiario che, in molti casi, indica dati ancora più bassi di quelli dei VAM?

Il fantasma dell’IMU veleggia nel Deposito di Paperon de Paperoni … ma questi valori … sono del tutto fantasiosi!

Norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione siciliana in materia di credito e risparmio

sicilia

Nella Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 279, è stato pubblicato:
DECRETO LEGISLATIVO 29 ottobre 2012, n. 205
Norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione siciliana in materia di credito e risparmio

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87, quinto comma, della Costituzione; Visto lo statuto della Regione siciliana, approvato con regio decreto legislativo 15 maggio 1946, n. 455, convertito dalla legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 2, ed in particolare gli articoli 17 e 20; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1952, n. 1133, recante: «Norme di attuazione dello Statuto siciliano in materia di credito e risparmio»; Vista la direttiva n. 89/646/CEE del Consiglio, del 15 dicembre 1989; Visto l'articolo 25 della legge 19 febbraio 1992, n. 142; Visto Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni; Viste le determinazioni della Commissione paritetica prevista dall'articolo 43 dello statuto della Regione siciliana, espresse nella riunione del 5 giugno 2012; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 4 ottobre 2012; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro per gli affari regionali, il turismo e lo sport, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze; E m a n a

Invito a cena … ci siamo!

PARLAMENT EUROPEAN - CIOLOS

Dopo l’invito a cena lanciato da questo blog al Commissario Europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos, ecco che ci siamo.
La data di arrivo è ufficiale: il 14 dicembre p.v., con mini-convention alle Ciminiere di Catania e alla presenza del Ministro Mario Catania.
Riporto il comunicato dell’ANSA.
CATANIA, CON LUI PARLERO' DI RISORSE DESTINATE ALL'ITALIA
(ANSA) - BRUXELLES, 29 NOV - Il commissario europeo alla politica agricola comune, sara' in Italia il prossimo 14 dicembre per partecipare, in Sicilia, ad un evento organizzato dal relatore del bilancio europeo, l'europarlamentare Giovanni La Via (Pdl). Lo ha reso noto a Bruxelles il ministro delle politiche agricole e alimentari, Mario Catania, assicurando: ''saro' presente anch'io e ho gia' avvisato Ciolos che non potra' sfuggirmi''.
Con il commissario intendo parlare - ha spiegato Catania - ''su quanto deve venire all'Italia in termini di risorse, ma anche su tutte le questioni di negoziato che abbiamo aperto in quanto, se alcune abbiamo cominciato a risolverle, altre restano''. (ANSA).

L’attenzione non è mai troppa

2012-11-28 13.05.42

Il bambino per terra a rotolarsi, ignaro di ciò che per terra potrebbe trovarsi, vicino la ruota dell’auto … la mamma a leggere … il tutto mentre la zona sta per essere inondata di bambini che scappano dalla scuola dopo cinque ore di lezione.

L’attenzione … non è mai troppa!!!

Proverbi siciliani

ProverbiRicevo dal collega dott. agr. Paolo Giglio e pubblico.

Corrado,
ti passo un metodo empirico siciliano e funziona,per predire se pioverà' oppure no, da utilizzare limitatamente per le zone etnee.
" Quanti i nuvuli vannu a mari, pigghia la truscia e vai a lavari. Quannu i nuvuli vannu a muntagna, posa la truscia c'annunca si vagna."
Quando le nuvole vanno verso il mare, prendi la biancheria e vai a lavare. Quando le nuvole vanno verso la montagna (l'Etna), posa la biancheria, altrimenti si bagna.

Paolo Giglio

giovedì 29 novembre 2012

La rivincita dei tecnici

Ricevo da un collega che vuole rimanere anonimo e pubblico.
Titolo: ANCHE I "MIGLIORI" A VOLTE SBAGLIANO.
Caro Corrado, sono xxxxx yyyyyy un vostro collega agronomo.
Ieri 27 Novembre 2012 sono state pubblicate (finalmente!) sul sito del PSR Sicilia, le graduatorie provvisorie relative al GAL "Terre dell'Etna e dell'Alcantara"; sfogliando le varie graduatorie delle domande, ho notato con grande stupore che tra le domande non ricevibili è presente una domanda di aiuto presentata da un'istituzione pubblica molto importante, avente dirigenti e tecnici pagati profumatamente da noi contribuenti e che quindi DOVREBBERO essere degli esperti in materia. Si tratta del nostro ben caro "Ente Parco dell'Etna"!!!
Addirittura le motivazioni di esclusione sono agghiaccianti, come si vede di seguito nell'immagine di sotto:

Ora mi chiedo: come fa un'ente così importante diretto da dirigenti mega-galattici e con tecnici strapagati, a presentare una domanda di aiuto in FAC-SIMILE?!?!? Come fa a non accorgersi di avere un fascicolo aziendale non validato dal CAA?!?!? Come fa a "dimenticarsi" di inserire il progetto definitivo e la relativa documentazione?!?!?!?
Come mai quando noi tecnici "comuni mortali" presentiamo dei progetti e delle domande agli enti pubblici, ci dobbiamo vedere contestare anche le virgole e sentirci come degli incompetenti mentre loro possono permettersi di presentare una domanda di aiuto del genere?!? Della serie: predica bene e razzola male!

Concludo dicendo: pure i "migliori" a volte sbagliano!!! 
xxxxx yyyyyy

Ancora su 'mozzarelle'

La crisi economica colpisce tutti, ma non tutti quei paesi un tempo denominati di 'fascia B' o 'emergenti', poichè in quei paesi il costo della manodopera è molto basso, al pari dei costi delle tasse.
E se la crisi economica, come detto, sta affossando le economie più stabili e resistenti, come la nostra ad esempio, i consumatori si sono ormai da tempo rivolti ai supermercati di fascia più bassa, tant'è che c'è un gran proliferare di nuove strutture che, in realtà, altro non fanno che drenare denaro e portarselo fuori!
Ma possiamo vedere la mozzarella Tedesca nei banchi frigo, con quello che successe con lo scandalo della mozzarella blu?
Possiamo vedere, addirittura, la mozzarella Polacca sui banchi frigo dei nostri supermercati?
Comprendo che la GDO debba fare profitti ed acquista i prodotti a lei più convenienti, ma portare qui da migliaia di chilometri di distanza questi prodotti ... non mi va giù affatto!
Posso credere che le nostre mozzarelle sono davvero più costose di queste Tedesche o di quelle Polacche, visto che il costo del trasporto incide parecchio?
E posso credere che dietro a questo ... fatto strano ... non ci sia un disegno sopraffino per affossare le nostre storiche ed eccellenti aziende per ... accaparrarsele, successivamente, a prezzi stracciati?
Non sta avvenendo forse con grossi gruppi imprenditoriali ... fatti fallire ... con questo giochetto?

Per non dimenticare

Ricevo dal collega dott. agr. Santi Di Fede e pubblico.
PER NON DIMENTICARE
XV Legislatura ARS INTERROGAZIONE (risposta scritta)

N. 1120 - Notizie circa l'irricevibilità delle pratiche concernenti il PSR Sicilia Misura 121 presentate presso l'Ispettorato provinciale per l'agricoltura di Enna.


Al Presidente della Regione e all'Assessore per le risorse agricole ed alimentari, premesso che il 18 febbraio 2008 la Commissione europea ha approvato il programma di sviluppo rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007-2013, che consentirà l'attuazione degli interventi necessari a sostenere lo sviluppo del settore agricolo, alimentare e forestale, nonché la conservazione e valorizzazione dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile dei territori rurali della regione nei prossimi 7 anni;
considerato che:

  • la strategia regionale persegue, da un lato, il rafforzamento del sistema produttivo e il suo rilancio competitivo, dall'altro l'integrazione delle componenti territoriali, sociali, economiche e ambientali e la valorizzazione del ruolo
  • multifunzionale dell'agricoltura. Il programma incentiva anche l'adozione di percorsi di progettazione integrata diretti a favorire la maggiore organicità degli interventi e un maggiore livello di concentrazione delle risorse disponibili attraverso l'uso combinato di più misure e/o l'associazione tra più beneficiari;
  • il programma si articola su quattro 'Assi' e circa 30 'Misure' che definiscono gli ambiti dell'intervento regionale per le aree rurali e che è operativa, sull'intero territorio della Regione siciliana, la misura 121 del suddetto PSR per gli
  • investimenti nelle aziende agricole;
le categorie di investimento previste dalla misura sono:
  • l'acquisto di terreni agricoli per un costo non superiore al 10% delle spese ammissibili dell'investimento;
  • la costruzione, acquisizione (anche mediante leasing con patto di acquisto) o miglioramento delle strutture aziendali al servizio della produzione, lavorazione, trasformazione e commercializzazione delle produzioni, ivi comprese quelle serricole;
  • la realizzazione di nuovi impianti colturali nonché la ristrutturazione, la riconversione colturale e varietale, l'espianto, l'ammodernamento e l'adeguamento degli impianti alle esigenze dei consumatori e ai nuovi orientamenti dei mercati;
  • l'acquisto, o il leasing con patto di acquisto, di nuove macchine agricole, macchinari, impianti tecnologici o attrezzature da impiegare nella produzione, lavorazione, trasformazione e/o commercializzazione delle produzioni per aumentare la produttività del lavoro, ridurre i costi di produzione, migliorare la qualità, migliorare le condizioni di lavoro e/o gli standard di sicurezza;
  • gli investimenti strutturali e dotazionali per la logistica aziendale, in particolare gli investimenti per la razionalizzazione della catena del freddo con interventi innovativi a livello di stoccaggio, lavorazione e trasporto;
  • gli investimenti produttivi finalizzati alla tutela e al miglioramento dell'ambiente;
  • gli investimenti per il risparmio energetico e gli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (impianti di capacità inferiore a 1 MW) con prevalente approvvigionamento aziendale e commisurati ai fabbisogni energetici di autoconsumo;
  • gli investimenti per la realizzazione di nuovi impianti di piantagioni arboree a ciclo breve (short rotation), per la produzione di biomasse a finalità energetica, purché sostenibili dal punto di vista ambientale;
  • gli investimenti finalizzati al risparmio idrico e al miglioramento della qualità delle acque, ivi compresa la realizzazione di piccoli invasi aziendali ed opere di captazione, adduzione e distribuzione, nel rispetto della direttiva quadro sulle acque (2000/60/CE);
  • gli investimenti per il miglioramento delle condizioni di igiene e benessere degli animali;
  • gli investimenti finalizzati al rispetto di requisiti comunitari di nuova introduzione (come da elenco sotto riportato), nonché al rispetto di requisiti esistenti solo nel caso di giovani che si insediano in agricoltura per la prima volta;
  • gli investimenti finalizzati all'introduzione di sistemi di qualità, tracciabilità e gestione ambientale;
  • la realizzazione di punti vendita delle produzioni aziendali;
  • l'acquisizione di hardware e software connessi agli investimenti, finalizzati anche all'adozione di tecnologie di informazione e comunicazione e al commercio elettronico, nonché primo allacciamento e accesso alla rete;
  • investimenti immateriali connessi agli investimenti di cui ai precedenti punti, quali onorari di professionisti e consulenti, ricerche e analisi di mercato, studi di fattibilità, acquisizione di brevetti e licenze;
  • rilevato che l'approvazione da parte degli organi competenti comporterà un notevole sviluppo economico e sociale delle aree interessate, derivante non soltanto dal settore agricoltura, ma anche dallo sviluppo del relativo indotto (ditte meccaniche, artigiane, imprese edili, forniture di concimi e prodotti per l'agricoltura, vivaismo ecc.);
considerato ancora che:

  • in riferimento alla misura 121 del PSR Sicilia come sopra evidenziata, sono state presentate sull'intero territorio regionale circa 1000 pratiche per la richiesta di finanziamento strutturale;
  • la percentuale media di ricevibilità delle sopra menzionate pratiche si è attestata intorno al 60% per 8 dei 9 ispettorati per l'agricoltura competenti per territorio;
  • l'ispettorato provinciale per l'agricoltura di Enna ha avuto una percentuale di non ricevibilità delle pratiche presso di esso presentate superiore al 95%;
  • la provincia regionale di Enna è tra le più arretrate in Italia dal punto di vista dello sviluppo economico;
  • parecchi liberi professionisti iscritti all'ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Enna hanno subito il rigetto di tutte le istanze presentate nella medesima provincia, mentre istanze simili presentate in altre provincie sono state dichiarate regolarmente ricevibili;
  • a seguito di numerosi incontri tra i funzionari ispettivi ed i rappresentanti dell'ordine e delle organizzazioni di categoria degli agricoltori, pare registrarsi, da parte dell'ispettorato provinciale per l'agricoltura di Enna, un atteggiamento ai limiti dell'ostruzionismo e assolutamente insensibile alle necessità del territorio e delle aziende agricole che attendono ormai da anni una misura ad investimento per cercare di migliorare le condizioni socio-economiche e produttive della provincia di Enna;
  • in seguito all'atteggiamento poco collaborativo, 'esasperatamente e incomprensibilmente rigoroso', tenuto da funzionari tenuti a promuovere, nel pieno rispetto delle regole e della legge, lo sviluppo rurale e il tentativo di ripresa delle realtà produttive della Sicilia, non soltanto si andrà incontro alla perdita delle risorse destinate alla provincia di Enna, ma aumenterà ancora di più il divario del livello economico e sociale di questa parte di territorio rispetto al resto della Regione, e più in generale, al resto del Paese;
per sapere:
  • quali siano le motivazioni burocratiche e tecniche che avrebbero indotto l'ispettorato provinciale per l'agricoltura di Enna a dichiarare irricevibili il 95% delle istanze presentate;
  • se esista una disposizione univoca da parte dell'amministrazione centrale per i criteri di analisi ed istruzione delle istanze sull'intero territorio regionale;
  • se non ritengano inoltre necessario accertare, anche attraverso accurata indagine ispettiva o commissione d'inchiesta, eventuali responsabilità personali di funzionari e dirigenti in ordine all'incredibile quanto incresciosa vicenda.
(Gli interroganti chiedono risposta scritta con urgenza)

(25 marzo 2010)
ARENA-COLIANNI-MUSOTTO-CALANDUCCI-D'AGOSTINO-FEDERICO-GENNUSO-LENTINI-MINARDO-RUGGIRELLO

Acireale...abbandonata

Acireale
Mi spiace dirlo, ma ogni qualvolta mi reco ad Acireale, la trovo sempre peggio.
Eppure la città è bellissima ... ma abbandonata con una economia, quella derivante dai limoni ... ormai semi-defunta!
E nel frattempo Vigili Urbani assenti ... guardate questa foto fatta fra il Corso Sicilia e la Via Caronda.
Non solo la prima auto, quella accostata al marciapiede non potrebbe sostare lì, atteso che è in prossimità dell'incrocio e sulle strisce pedonali; ma la seconda ha superato la prima! Posteggiata anch'essa sulle strisce, anch'essa in prossimità dell'incrocio, ed anche in doppia fila!
Mah!
A proposito di Europa ... potrebbe accadere ciò in Germania, in Austria o in Svezia?

mercoledì 28 novembre 2012

Grandinata ad Alcamo

Ricevo dal collega dott. agr. Paolo Giglio e pubblico.

Corrado,ti segnalo la violenta grandinata di stamane ad Alcamo.
Una fortissima grandinata  ha interessato  stamane la zona di Alcamo.
Si segnalano feriti per i chicchi di grandine.
I chicchi hanno superato la soglia di 3 cm di diametro e sino ai 5 cm. Questi eventi atmosferici sono da considerarsi estremi, e cagionevoli di danni, che a quanto risulta ci sono stati in agricoltura.
Chicchi di grandine di tali dimensioni danneggiano le auto.

Le piante velenose 2°

Riporto, facendo un sonoro copia/incolla, una lettera pubblicata ieri sulla rubrica 'lo dico a la sicilia' a firma di Salvatore Arcidiacono.
«Non graminacea ma verdura selvatica»
Leggo su La Siciia di domenica 25 un articolo in cui si dice come alcune incaute persone siano incorse in un grave avvelenamento, ingerendo foglie della velenosa mandragora, scambiandola per una innocua verdura mangereccia. L’estensore dell’articolo chiama quest’ultima con l’appellativo di “segale”,  suscitando  in  me  grande  perplessità  in quanto ritengo come sia assurdo il pensare che gli avvelenati  avessero  scambiato  la  mandragora, pianta dalle foglie larghe ed appresata al suolo, con la segale, che è una graminacea, sul tipo del frumento, e perciò fornita di uno stelo svettante, con foglie lineare ad esso avviluppate. Credo che si sia incorso in un equivoco dialettale, in quanto che la pianta innocua in questione sia la comunissima bieta, che, nella Sicilia orientale, porta il fitonomo dialettale di secala. Vedura selvatica che, d’altron de, in altre parti dell’Isola è denominata con gli appellativi vernacoli di gira, geri, geti, billeti aggiti, zarchi o salichi.
SALVATORE ARCIDIACONO
Resta il fatto, secondo me, che oltre a non conoscere bene le erbe che si raccolgono, spesso si raccolgono 'furtivamente' in zone dove non si sa proprio nulla dei trattamenti che vi sono stati effettuati, pur rimanendo nella sfera dei trattamenti autorizzati.
Quindi:

  • diffidare di chi vende verdure 'di campagna' per le strade, poichè è indubbia la provenienza
  • non avventurarsi nelle campagne altrui, poichè si potrebbe incorrere in verdure apparentemente innocue, ma con residui di fitofarmaci

Riecco il 3 x 2

Siracusa
Venerdì scorso, recatomi all'Ispettorato dell'Agricoltura di Siracusa, proprio all'ingresso, nel posteggio, ho visto nuovamente il 3 x 2!
Ecco due auto che prendono tre posti; le auto erano: una dei vigili urbani, l'altra del Comune di Siracusa.
Va bene che sono spazi riservati a coloro che lavorano nell'Ufficio, ma ... giusto giusto quelli del Comune devono prendere due posti al posto di uno ... e tutto questo ... può essere sfuggito ai solerti vigili urbani?
Il 3 x 2 ... c'è ancora un pò ovunque, ma anche il 4 x 2 ...

Il prezzo del sale

Ci sono aumenti di prezzo strani, come quello della benzina, benzina che non scende quando scende il prezzo del petrolio e sale, invece, quando il greggio si impenna di prezzo.
E' il caso del sale, quello da cucina per intenderci.
Fino a poco tempo fa, all'incirca sei mesi fa, il prezzo medio nei supermercati era fra 0,11 a 0,12 €/Kg.
Da qualche mese, però, silentemente ... è saltato a 0,15 €/Kg.
Certo ... nessuno ci fa caso, considerato il fatto che è un prezzo assai basso e che di sale se ne consuma poco, ma fatti i conti ... il sale è aumentato di oltre il 36%!

Temperature in calo

Una veloce perturbazione sta transitando sulla nostra Regione.
Oggi è prevista pioggia, ma in quantità ridotta.
La perturbazione, però, porterà con sè freddo, ma non il freddo intenso che attualmente è arrivato nelle regioni del nord Italia.
Potete seguire l'evoluzione meteo, leggendo le temperature e i mm. di pioggia caduti collegandovi all'indirizzo:
una mappa fornita da sito meteo di Meteosililia.it, ed aggiornata in tempo reale con le stazioni meteo in essa collegate.
Qui sotto, invece, il meteogramma per oggi e per i prossimi giorni.

martedì 27 novembre 2012

Le piante velenose

Nel quotidiano LA SICILIA di ieri è stata riportata la notizia degli avvelenamenti da piante spontanee raccolte in giro e mangiate.
E' chiaro che non tutte le piante spontanee possono essere mangiate, e questo lo sappiamo tutti.
Ma nell'articolo di ieri si poneva l'accento di fare molta attenzione sulle specie che vengono raccolte in giro per i campi.
Ma il problema non si esaurisce per nulla con la mancata raccolta delle piante non edibili, e spesso assai velenose.
Anche molte piante edibili, però, possono divenire velenose in conseguenza di trattamenti antiparassitari o di diserbi effettuati anche nel rispetto della normativa, ovvero non per forza a causa di eccessi di utilizzazione di fitofarmaci.
Faccio un paio di esempi per cercare di essere più chiaro:
  • piante a ridosso dei confini o delle stradelle possono essere state oggetto di trattamento con diserbanti
  • piante all'interno di appezzamenti arborati possono venire in contatto con antiparassitari e/o fungicidi, a causa dell'effetto deriva e della caduta di parte dello stesso
  • piante all'interno di appezzamenti arborati possono venire in contatto con trattamenti effettuati con acidi vari (acido giberellico) dati alle piante principali per via fogliare, o acidi diversi (acido ortofosforico) dati alle piante principali in fertirrigazione
La prudenza nella raccolta delle piante spontanee da 'verdura di campagna', quindi non è mai troppa!
Spesso, però, con tutta la buona volontà degli agricoltori ... le informazioni sui trattamenti non vengono veicolate o non vengono trasmesse ... poichè sempre più frequentemente ... troviamo nei campi improvvisati raccoglitori di erbe ... che entrano nei terreni altrui senza nessuna autorizzazione, salvo poi rivendere le stesse verdure ... per le strade!

Bando Corsi Capo Azienda

Ricevo e pubblico.

In allegato trasmetto il Bando in oggetto.
Si evidenzia  che la scadenza è stata prorogata ulteriormente al 30 novembre 2012  e  la sede sarà spostata da Motta Sant'Anastasia in uno dei Paesi Etnei del Comprensorio del CPI di Tremestieri Etneo, che comprende anche i seguenti Comuni: Gravina, Sant'Agata li Battiati, San Giovanni La Punta, Mascalucia, Nicolosi, Pedara, Trecastagni e Viagrande.

Molto probabilmente la sede del corso sarà ubicata a San Giovanni La Punta.

Si invita a dare ampia diffusione.
Saluti
Il dirigente
dott. Vito Maugeri

Convegno a Caltagirone

Ricevo e pubblico.
Sabato prossimo, 1 dicembre 2012 alle ore 15:00, a Caltagirone,  presso l'Istituto Istruzione Superiore “Carlo Alberto Dalla Chiesa” 
 Via S. Maria del Gesù, si svolgerà un convegno dal tema
CONVENZIONE EUROPEA E SALVAGUARDIA DEL 
PAESAGGIO RURALE IN SICILIA
Qui a sinistra la locandina per approfondire.

Mini...convegno...SOSTARE


Quante volte ci siamo arrabbiati trovando sul parabrezza dell'auto una multa nonostante avessimo pagato il tagliando del parcheggio?
E quante volte gli 'zelanti omini' di SOSTARE non ci hanno nemmeno dato il tempo di andare a cercare il 'totem' funzionante?
Ebbene ... mentre noi facciamo tutto ciò ... ecco che un mini-convention ... si svolge alle nostre spalle ... dal titolo 'come mi nascondo sotto una macchina per fregare l'automobilista che in realtà mi dà da mangiare?'
Eccoli lì; in quattro ... belli comodi ... a parlottare ... in quattro ...

Terremoto alle isole Eolie

Un sisma ha interessato alle ore 01.14 di questa notte la zona delle isole Eolie.
Il sisma ha avuto una magnitudo pari a 2,3° della scala Richter ed è stato localizzato ad una profondità di 211.6 chilometri.

lunedì 26 novembre 2012

Il nuovo Assessore all'Agricoltura

Con mossa a sorpresa il nuovo Presidente della Regione Siciliana, on.le Rosario Crocetta, ha nominato quale Assessore all'Agricoltura il collega dott. agr. Dario Cartabellotta.
Per la seconda volta nella storia della nostra Regione un Assessore all'Agricoltura agronomo! Evviva!
Riuscirà il collega Cartabellotta a risollevare le sorti dell'agricoltura Siciliana, depressa non solo dal momento economico storico in cui viviamo, ma anche da una fitta rete di 'alta finezza burocratica' tessuta ad arte?
Riuscirà il nuovo Assessore a districarsi fra le maglie di una arguta, ma quanto mai pesante, burocrazia del medesimo Ufficio nel quale lui stesso lavorava?
Riuscirà a ... far sì che l'agricoltura e gli agricoltori si occupino nuovamente di loro campi e non delle ... risme di carta, e delle ore ed ore passate negli Uffici?
Un augurio a Dario Cartabellotta da parte mia, ma ... ricordati che ... la Pagella Assessoriale ti attende!
A proposito: a giorni ... la Pagella Assessoriale aggiornata ... col '2° passaggio' dell'ex Assessore on.le Ciccio Aiello!
A destra, in alto, trovate un sondaggio proprio sul nuovo Assessore.

Freddo in arrivo

Ci ricorderemo l'anno 2012 come un anno in cui:
  • la violenta, lunga ed imponente grandinata ha devastato tutte le colture nella zona in cui è avvenuta
  • il ciclone Athos ha provocati danni immensi, che nessuno risarcirà
  • l'estate è stata molto calda e molto lunga
  • la lunghissima siccità, da fine marzo a tutto novembre, ha fatto lievitare i costi di conduzione delle aziende agricole, senza peraltro aver risarcito ciò da nessuno, nemmeno da eventuali rincari dei prezzi dei prodotti
  • le temperature autunnali sono state decisamente alte
Da mercoledì, dopo un pò di piogge, arriva il freddo ... e per fortuna ... l'ANAS ha messo l'obbligo delle catene ... fra Ragusa e Modica!!!

Carburanti: lo scandalo dei prezzi

Ingrandite queste immagini, rimarrete stupiti!
Innanzi tutto è davvero stupefacente come il gasolio abbia ormai sorpassato, quale prezzo industriale, il prezzo della benzina; eppure non solo per ogni tonnellata di petrolio se ne estrae di più rispetto alla relativa estrazione della benzina, proprio perchè meno raffinato, ma è il costo stesso della raffinazione ad essere più basso.
Evidentemente c'è più richiesta di gasolio che di benzina, e pertanto costa di più, anche se una logica 'di fabbricazione' in questo prezzo non c'è!
Ma è da porre l'accento sul prezzo delle tasse, ovvero dell'IVA e delle Accise, che hanno raggiunto ormai un onere davvero insopportabile.
E guardando bene le tabelle vi accorgerete che sono più le tasse che il costo del carburante stesso.
Quindi...ogni volta che mettiamo carburante nella nostra vettura...dobbiamo essere coscienti che più della metà di quell'importo va...allo Stato...

Seminario su acque reflue

Ricevo e pubblico
Il 30 novembre 2012 alle ore 10.00, presso l'Azienda Agrituristica Valle dei Margi a Grammichele si svolgerà un seminario dal tema:
I SISTEMI DI FITODEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DEI PICCOLI E MEDI INSEDIAMENTI


Programma
Venerdì 30 novembre
ore 10.00 -10.15  -  Introduzione al Seminario e saluti delle Autorità
      prof. Salvatore Barbagallo        Università degli Studi di Catania
      dott. Giuseppe Compagnone       Sindaco di Grammichele
      prof. Giovanni Cascone  Direttore DIGeSA Università degli Studi di Catania
      prof. Emilio Giardina  Presidente CSEI Catania

ore 10.15 -13.00   -  La  normativa  per  il  trattamento  e  smaltimento  delle  acque  reflue  per  le piccole e medie comunità
      ing. Laura Ciravolo       Direttore generale ATO Acque Catania
-  I sistemi di fitodepurazione per il trattamento ed il riuso delle acque reflue
       prof. Attilio Toscano       Università degli Studi di Catania
      -  Il sistema di fitodepurazione di S. Michele di Ganzaria (CT)
ing. Alessia Marzo          Università degli Studi di Catania
         ing. Antonino Vinciprova       Libero professionista

 -  Esperienze nell’uso dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento delle
acque  enologiche: il progetto Vigna Energetica - ViEnergy
dott. Mirco Milani          Università degli Studi di Catania
    -  Esperienze nella progettazione e realizzazione  di un piccolo impianto di
fitodepurazione per il trattamento di acque grigie
ing. Andrea Privitera       Libero professionista  
 -  Proposta di un sistema di fitodepurazione per l’IKEA Store di Catania
prof. Giuseppe Luigi Cirelli     Università degli Studi di Catania
dott. Danilo Verde  Libero professionista
-   L’impianto di  fitodepurazione dell'azienda agrituristica Valle dei Margi
       prof. Marco Navarra       Università degli Studi di Catania
prof. Giuseppe Luigi Cirelli          Università degli Studi di Catania
   
ore  13.00-14.30  -  Colazione di lavoro
 



Catene a ... bordo ...


Nonostante la siccità, nonostante le temperature del tutto fuori norma...l'ANAS ci riprova!
L'anno scorso l'ANAS aveva già fatto questa ordinanza con questo obbligo a dir poco ridicolo  evidentemente nessuno li ha 'presi in giro abbastanza' e, di conseguenza, la cosa - a loro - è piaciuta!
Sulla s.s. 514, nella tratta fra Vizzini e Ragusa e nella s.s. n. 115 fra Ragusa e Modica ... ci vogliono le catene a bordo!
Sì! Catene a bordo! Sai quanta neve!!!!!
E la sanzione prevista è di 39,00 euro a 159,00 o da 80,00 a 318,00 euro (art. 72 Codice della Strada).
Evidentemente è un modo come un altro per farci ... sentire in Europa!

domenica 25 novembre 2012

La raccolta del riso

2012-11-22 10.34.23

Qualche giorno fa sono andato a Leonforte (EN) a vedere la raccolta del riso, di quel campo di riso esteso all’incirca tre ettari, che ha realizzato il giovane collega dott. agr. Angelo Manna.

Qui pubblico una serie di fotografie che ho ripreso ed anche dei filmati, così che chi voglia approfondire la coltura, intanto fotograficamente, possa farlo.

Resto in attesa dei dati che Angelo Manna mi ha detto mi farà avere non appena completerà la raccolta, ovvero dei costi sostenuti per coltivare il riso, delle rese (q.li/Ha) e delle rese economiche.
Non appena le avrò le pubblicherò.

I video sono su youtube, e li potete vedere cliccando qui: 1234 - 5

2012-11-22 10.34.282012-11-22 10.34.312012-11-22 10.34.362012-11-22 10.34.40
2012-11-22 10.35.002012-11-22 10.35.032012-11-22 10.35.062012-11-22 10.35.07
2012-11-22 10.35.552012-11-22 10.36.062012-11-22 10.36.13
2012-11-22 10.36.222012-11-22 10.36.252012-11-22 10.37.222012-11-22 10.37.25
2012-11-22 10.37.352012-11-22 10.37.392012-11-22 10.37.57
2012-11-22 10.40.282012-11-22 10.40.342012-11-22 10.40.382012-11-22 10.57.57
2012-11-22 10.58.012012-11-22 11.00.152012-11-22 11.00.18
2012-11-22 11.00.232012-11-22 11.00.272012-11-22 11.02.04
2012-11-22 11.02.082012-11-22 11.12.242012-11-22 11.12.34
2012-11-22 11.12.412012-11-22 11.12.502012-11-22 11.12.55