lunedì 31 ottobre 2016

PSR Sicilia 2014/2020, Misura 4.1, 5° puntata

Proseguo l'esame delle Disposizioni Attuative della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, sempre al punto 7 su "Interventi e spese ammissibili" troviamo:

Viabilità  ed  elettrificazione  aziendale. 
Per  la  viabilità  l’uso  di materiale  durevole  (conglomerati cementizi) è consentito limitatamente  ai  tratti  in  forte  pendenza o  negli  spazi  esterni immediatamente antistanti le strutture di deposito, lavorazione, commercializzazione, carico e scarico dei prodotti agricoli, pertanto, non sono ammessi materiali di pregevole fattura.
Nota dolente: non viene menzionata l'eventuale finanziamento di strade in conglomerato bituminoso.


Realizzazione e/o riattamento di locali idonei per il personale dipendente dell’azienda, ove necessari, di dimensioni non superiori a mq. 45.
Nota dolente: non sono state inclusi i locali di ricovero macchine ed attrezzature agricole.

... domani continua ...

Dall'avv. Lina Arena su SOstare

Ricevo dall'avv. Lina Arena e pubblico.

Sono ormai quotidiane le lamentele ed i rimbrotti per le penali pretese da "Sostare". Tuttavia  il tempo trascorre lentamente e nessun segnale si intravvede all'orizzonte per porre fine a questo scandaloso intrigo di norme. Alludo alla norma che prescrive la penale e che l'Italia deve  ringraziare il compagno Bassanini se una strana forma di "estorsione"  è stata introdotta nell'ordinamento giuridico.  Come si legge infatti dalle sagge lettere degli avvocati chiamati a difendere questo mostro di socialità chiamato " Sostare", la " penale" di € 10,00  sulla carta  e che tradotta in soldoni  giunge anche ad € 38,00, non è un mero capriccio od un errore dell'ente che perseguita il cittadino che ha occupato indebitamente uno stallo cittadino. Si tratta di una norma di legge  che il saggio ed astuto compagno Bassanini è  riuscito a fare approvare da un parlamento di ebeti e distratti  al fine di rimpinguare le finanze di uno Stato bistrattato ma purtuttavia impegnato a  compensare truppe di  sodali dei partti al governo. Sono tali infatti i dipendenti ed i consulenti di uffici ed  organismi sorti come funghi  ed impegnati ad offrire un servizio , utile alla collettività  e benemerito per i suggeritori di turno ed al fine di regolamentare  gli spazi stradali.  Dal canto mio, vorrei solo aggiungere, dopo aver letto le numerose recriminazioni dei cittadini vessati e le  dotte risposte degli avvocati addetti al recupero, che la legge n. 127 del 1997 all'art. 17 comma  132  è palesemente incostituzionale  o comunque da applicare con riferimento ai principi generali del codice civile perchè non si può  accettare una " tassa" chiamata penale  che da 10 € sale fino a 38 euro per il solo fatto che è stata violata una norma sugli stalli automobilistici.  Se vi è una sproporzione tra  le due voci del dovuto  è chiaro che bisogna applicare il principio di carattere civile che prevede  il ridimensionamento della penale se eccessiva e perciò ingiusta. Queste norme gli avvocati di sostare  non intendono invocarle e ritengono utile richiamare all'ordine la marea di scontenti e di arrabbiati che vengono quotidianamente vessati  per pagare balzelli iniqui., Sotto questo aspetto , è vero che gli avvocati fanno il loro mestiere di recuperatori del credito del cliente ma è anche vero che quando il cliente  non ha i poteri dell'usuraio  anche l'avvocato deve parlare e criticare gli eccessi  delle pretese punitive del contravventore. Ovviamente il politico di turno, non si fa sentire perchè o non ha capito oppure gli torna comodo  il plauso degli addetti al recupero. 
avv. Lina Arena

domenica 30 ottobre 2016

PSR Sicilia 2014/2020, Misura 4.1, 4° puntata

Proseguo con l'esame delle Disposizioni Attuative della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020.
Parte delle notizie sono in "copia/incolla" dal Documento pubblico.

Al punto 7 troviamo:
Interventi e spese ammissibili

Acquisizione, costruzione e/o miglioramento di beni immobili al servizio dell’attività di produzione, di allevamento, di lavorazione, di trasformazione e di commercializzazione dei prodotti e per ricovero macchine ed attrezzature;  
1.  acquisto terreni agricoli, in linea con quanto disposto dall’art. 69 par. 3 lettera b) del Reg. (UE) n. 1303/2013, ammissibile a contributo nei limiti del 10% della spesa totale ammissibile e liquidabile dell’operazione considerata. L’ammissibilità è subordinata al rispetto delle condizioni di cui al punto 6.5  delle  Disposizioni  attuative  e  procedurali  per  le  misure  di  sviluppo  rurale  non  connesse alla superficie o agli animali parte generale PSR Sicilia 2014/2020; 
2.  acquisto, costruzione e/o miglioramento di fabbricati. L’ammissibilità è subordinata al rispetto delle condizioni di cui al punto 6.6 delle predette Disposizioni attuative e procedurali parte generale; L’acquisto dei suddetti immobili è consentito esclusivamente nel caso in cui gli stessi siano connessi e funzionali agli investimenti proposti.

La percentuale del 10% quale contributo sull'acquisto dei terreni è riferita all'investimento liquidabile, ovvero all'importo complessivo del progetto a collaudo, e non è correlata all'importo del terreno.
Quindi non viene erogato un 10% sul valore di acquisto del terreno. Faccio questa precisazione perchè mi viene fatta spessissimo questa domanda.

PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 4.2

Pubblico le Disposizioni Attuative della Misura 4.2 del PSR Sicilia 2014/2020, rese disponibili qualche giorno fa sul sito internet istituzionale del PSR Sicilia 2014/2020.
La Misura 4.2 è destinata a "Sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli".

Qui sotto tutti i documenti in formato grafico.
Nei prossimi giorni una "spiegazione in pillole".

Aggiornamento decreto grano duro

Riporto, in formato grafico, le ultime novità sul Decreto Grano Duro.
Il contratto triennale può essere fatto anche tra centro di stoccaggio e industria molitoria/pastaria; poi deve fare il contratto di coltivazione con l’agricoltore.

Il contratto di coltivazione con l’agricoltore può essere anche annuale.

Le sementi devono essere certificate e copia delle fatture di acquisto delle sementi certificate vanno inserite nel fascicolo aziendale.

Qui sotto, in formato grafico, i vari documenti.

sabato 29 ottobre 2016

PSR Sicilia 2014/2020, Misura 4.1, 3° puntata

Continuo oggi l'esame delle Disposizioni Attuative della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020.
Al punto n. 5, comma c) troviamo la voce "Requisiti del progetto".
La cantierabilità, in questa programmazione, va dimostrata entro 90 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie provvisorie, e cioè: i progetti possono pure venir presentati senza aver ottenuto le varie autorizzazioni/nulla osta, ma vanno presentati allegando la dimostrazione di aver già avanzato le relative istanze.
Non appena ottenute le varie autorizzazioni/nulla osta dagli uffici interessati, vanno trasmesse all'Ispettorato dell'Agricoltura, e comunque entro i 90 giorni successivi alla pubblicazione della graduatoria provvisoria.

Nota dolente: nelle Disposizioni Attuative non è specificato se per "pubblicazione" si intenda quella sul sito internet istituzionale del PSR Sicilia 2014/2020 o se si intenda quella sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.

... domani continua ...

Certificazione volontaria agrumi

Riporto il comunicato apparso ieri sul sito internet dell'Assessorato Agricoltura della nostra regione.

Considerata l'esigenza di razionalizzare le procedure di distribuzione di materiale certificato ai sensi dei decreti ministeriali 24 luglio 2003 (1), 4 maggio 2006 (2) e 20 novembre 2006 (3), sono state ridefinite le singole fasi, le relative scadenze e la modulistica necessaria per la produzione di materiale di moltiplicazione degli agrumi nell'ambito del territorio regionale.

Qui sotto tutti gli allegati, in formato grafico.


Ancora scosse in centro Italia

Continuano le scosse telluriche in centro Italia, in una zona duramente colpita e duramente provata.
Il tracciato del sismografo di Osimo mostra l'attività sismica, e se vi collegate al sito internet dell'INGV, al seguente link http://cnt.rm.ingv.it/ potrete leggere l'innumerevole quantità di scosse registrate in un paio di giorni.

venerdì 28 ottobre 2016

Novità dal PSR Sicilia 2014/2020

Pubblicate sul sito del PSR Sicilia 2014/2020 le Disposizioni attuative della Misura 4.2 e la sospensione del Bando della Misura 4.3.1.

SOTTOMISURA 4.2 – DISPOSIZIONI ATTUATIVE - Con decreto dirigenziale n. 6567 del 28.10.2016 sono state approvate le Disposizioni attuative parte specifica della Sottomisura 4.2 Sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli. Il Decreto e le disposizioni sono stati trasmessi alla Corte dei Conti per il preventivo visto di legittimità.
Documenti allegati: 
  • Disposizioni attuative;
  • D.D.G. n. 6567 del 28.10.2016.


  • Sottomisura 4.3 azione 1 - AVVISO - Si comunica la sospensione del bando pubblico (2016.39.2359)003, di attuazione della Sottomisura 4.3 azione 1, pubblicato sulla GURS n. 43 in data 07/10/2016, in considerazione delle modifiche alle disposizioni attuative, finalizzate ad incoraggiare la competitività delle aziende agricole e consentire la massima partecipazione dei potenziali beneficiari. L’Amministrazione si riserva con successivo atto di comunicare la riattivazione delle procedure di selezione. Documenti allegati: 
    Avviso

    PSR Sicilia 2014/2020, Misura 4.1, 2° puntata

    Proseguendo l'esame delle Disposizioni Attuative della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, ecco che troviamo al punto n. 5, fra i Requisiti di accesso e condizioni di ammissibilità, il comma b) Piano aziendale degli investimenti (PAI).

    Nelle Disposizioni Attuative si legge:
    "Presentare  il  Piano  aziendale  degli  investimenti  attraverso l’utilizzo dello schema messo a  disposizione dall’amministrazione e  appositamente  predisposto  per  quanto  previsto  dalla  Sottomisura  4.1,  al fine  di dimostrare la sostenibilità economico-finanziaria degli interventi ed il miglioramento del rendimento globale dell’azienda."

    Ebbene ad oggi non sappiamo quale sia lo "schema messo a disposizione dall'amministrazione e appositamente predisposto".

    Ipotizzo:
    a) è il PAI della precedente programmazione, ovvero quello elaborato sul software Microsoft Access?
    Se il PAI è quello lì, allora andrebbe aggiornato negli importi delle produzioni, al fine di far collimare gli stessi con la tabella INEA del 201, altrimenti la tabella dice una cosa, il PAI un'altra.

    b) è il Business Plan on-line, così come ho sentito da più parti, messo a disposizione dall'ISMEA?
    Se è questo allora non solo valgono le considerazioni fatte al punto b), ma ci sono una serie di considerazioni ulteriori da fare:
    1) il Business Plan on-line messo a disposizione dall'ISMEA viene dato in uso a pagamento. E quanto costa?
    2) il Business Plan on-line messo a disposizione dall'ISMEA consente l'inserimento dei dati, e l'elaborazione esclusivamente via web, ovvero connessi in rete e tutti i dati vanno a far parte di un database residente sui server ISMEA.
    E se durante gli inserimenti si verificassero rallentamenti tali da non potervi lavorare (SIAN docet), con la conseguenza di non potervi lavorare?

    Questo Business Plan on-line messo a disposizione dall'ISMEA è da scartare assolutamente: i dati da noi inseriti fanno parte integrante del nostro lavoro commissionato dai clienti, e devono rimanere, nel rispetto delle norme della privacy, all'interno del nostro personal computer!

    c) è il foglio elettronico in Excel che nel POR 2000/2006 venne realizzato da una Sezione Operativa (SOAT) e che funzionava benissimo, ma poi venne abbandonato per il PAI in Access?

    d) è qualcos'altro, di cui oggi nulla sappiamo?

    Allo stato attuale NON SAPPIAMO su quale applicativo dovremmo realizzare il Piano Aziendale degli Investimenti ...

    ... domani continua ...

    Sui migranti

    Vorrei fare un ringraziamento particolare al Sindaco di Lampedusa, che ieri ha dichiarato che nella sua piccola isoletta ha accolto, ed accoglie, migliaia e migliaia di migranti, pur avendo pochi uomini a disposizione, pochi mezzi, strutture inadeguate, ma tanta solidarietà a chi scappa da paesi in guerra, da paesi in cui si muore per un pezzo di pane.
    L'intervista, sentita a Radio RAI, era stata fatta da un giornalista che gli chiedeva di commentare i "fatti di Ferrara", dove una popolazione ha respinto i migranti.
    Il Sindaco diceva inoltre: "noi accogliamo i migranti a migliaia, ma mai abbiamo avuto qualcosa dallo Stato, e nonostante questo continuiamo ad accoglierli civilmente".

    Grazie Signor Sindaco.

    giovedì 27 ottobre 2016

    PSR Sicilia 2014/2020, Misura 4.1, 1° puntata

    La Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020 è quella misura dedicata ai miglioramenti fondiari "Sostegno a investimenti nelle aziende agricole".

    La dotazione complessiva della Misura è pari ad € 424.000.000,00, cifra che comprende anche gli importi di tutte quelle istanze finanziate durante la fine della programmazione 2007/2013, e per le quali ancora oggi stiamo effettuando i relativi collaudi.

    Nelle Disposizioni Attuative, però, non è indicata questa cifra, nemmeno in forma arrotondata, per cui la cifra realmente disponibile non è stata comunicata.

    Beneficiari
    Chi può richiedere gli interventi della Misura 4.1?
    Praticamente tutti.
    Infatti nelle Disposizioni Attuative viene così specificato:
    Gli  agricoltori,  persone  fisiche  e  giuridiche  ai  sensi  della  vigente  legislazione  (imprenditore individuale, società  agricola  di  persone,  capitali  o  cooperativa),  le  associazioni  di  agricoltori e reti  di  imprese  di agricoltori  costituite in conformità alla legislazione vigente.

    Requisiti di accesso (PST)
    Chi può accedere alla Misura 4.1?
    Nelle Disposizioni Attuative viene riportata questa dicitura:
    I requisiti e le condizioni di seguito indicate devono essere posseduti da parte dei soggetti richiedenti all’atto della presentazione della domanda, pena l’inammissibilità della stessa. 
    a)  Dimensione economica minima in termini di produzione lorda standard aziendale 
    Possedere nella qualità di proprietari e/o affittuari e/o comodatari una base aziendale con una dimensione economica minima in termini di produzione lorda standard totale aziendale di: 
    - almeno 15.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori, nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree Natura 2000; 
    - almeno 25.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle altre zone. 

    Tali  soglie  di  riferimento  di  dimensione  minima  aziendale  previste  nel  PSR  Sicilia  2014/2020 vers.  1.5 potranno variare a seguito  dell’approvazione da parte della Commissione Europea delle relativa modifica del PSR Sicilia 2014/2020 già esitata dal Comitato di Sorveglianza del Programma con  procedura scritta n. 3/2016 nel seguente modo:  
      Dimensione economica minima iniziale in termini di produzione lorda standard totale aziendale di: 
    •  almeno 8.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori; 
    •  almeno 10.000 euro nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree natura 2000; 
    •  almeno 15.000 euro nelle altre zone. 
    A seguito dell’intervento la dimensione economica minima in termini di produzione lorda standard dovrà essere di:  
    •  almeno 10.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori; 
    •  almeno 15.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree natura 2000; 
    •  almeno 25.000 e di Produzione Standard Totale Aziendale euro nelle altre zone.  

    E qui si aprono diverse riflessioni, non solo relativamente alle tabelle INEA utilizzate, ma soprattutto alle soglie di ingresso, che pare appena il caso di segnalare:
    1) la Tabella INEA a cui si fa riferimento contiene dei valori di rilevazione del 2010, quindi per nulla aggiornati, ma soprattutto fa riferimento a valori ISTAT e non quelli rilevati dalla rete RICA-REA dell'INEA; sarebbe il caso, quindi, di rivedere la stessa tabella ...

    2) per le condizioni di accesso si fa riferimento a condizioni che devono essere possedute alla data di presentazione della domanda, e non a miglioramento effettuato.
    Così chi, ad esempio, possiede dieci ettari di seminativo e volesse realizzare una serra, un agrumeto, un mandorleto, un vigneto a tendone, ecc., non potrà farlo, nonostante a miglioramento effettuato soddisferebbe appieno le soglie previste.
    E ciò lascia fuori tantissimi agricoltori, e tantissimi giovani che vogliono scommettersi in questo campo.

    3) nelle Disposizioni Attuative viene indicato che le "soglie  di  riferimento  di  dimensione  minima aziendale  previste  nel  PSR  Sicilia  2014/2020 vers.  1.5 potranno variare a seguito dell’approvazione da parte della Commissione Europea delle relativa modifica del PSR Sicilia 2014/2020 già esitata dal Comitato di Sorveglianza del Programma con  procedura scritta n. 3/2016".
    Pertanto ad oggi NON SAPPIAMO se le condizioni di accesso saranno quelle indicate nelle prime righe o quelle da modifica. E se dovesse venir pubblicato il Bando senza che vengano variate le soglie di ingresso ... come faranno gli Uffici a valutare le istanze introitate, visto che le stesse soglie potrebbero variare durante la fase di istruttoria e formazione delle graduatorie?
    Mah!!
    Prevedo una miriade di ricorsi ... che ovviamente bloccheranno lo svolgimento delle istruttorie ...

    ... domani continua ...

    Qui sotto in formato grafico la Tabella INEA con i valori di riferimento di accesso per i 15.000 euro ed i 25.000 euro di PST e gli ettari abbisognevoli per l'accesso alla Misura.

    Ancora terremoti

    Decine e decine di terremoti hanno interessato ieri sera, ma anche questa notte, nuovamente il centro Italia, ed in particolare le zone fra Macerata e Perugia.
    Una prima forte scossa è stata registrata alle ore 19.10, con magnitudo 5.4° della scala Richter, epicentro fra i comuni di Castelsantangelo sul Nera, Visso, Preci, Ussita e Norcia.
    Altra forte scossa è stata registrata alle ore 21.18, stessi luoghi, ma magnitudo di 5.9° della scala Richter.
    Altra ulteriore forte scossa è stata registrata alle ore 23.42, sempre stessi luoghi, con magnitudo 4.5° della scala Richter. 
    Altre scosse di minore intensità si sono susseguite durante tutta la notte.

    Qui sotto il tracciato del sismografo di Osimo.


    Agea: nuovo sistema di autorizzazione impianti viticoli

    Pubblico la Circolare Agea n. 582  del 2016, riguardante

    NUOVO SISTEMA DI AUTORIZZAZIONE AGLI IMPIANTI VITICOLI: DISPOSIZIONI NECESSARIE AD UNA CORRETTA ED UNIFORME INTERPRETAZIONE DELLA NORMA COMUNITARIA SULLA NON TRASFERIBILITÀ DELLE AUTORIZZAZIONI E DEROGHE

    Agea: mutamenti aziendali

    Il Coordinamento di Agea  ha reso noto che  le procedure di gestione dei mutamenti aziendali 2016 sono state riattivate e che le attività di completamento dei mutamenti aziendali 2016 dovranno concludersi entro il termine del 30 novembre 2016.

    mercoledì 26 ottobre 2016

    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 4.1 - record di numeri sul blog

    Ieri mattina, all'incirca 24 ore fa, ho pubblicato le Disposizioni Attuative della Misura 4.1 del PSR Sicilia 2014/2020, quelle destinate al Sostegno agli investimenti nelle aziende agricole, una misura molto attesa sia dagli agricoltori, ma anche da tutti noi tecnici.
    La pubblicazione delle disposizioni attuative NON significa che il Bando è operativo.
    Ieri ho ricevuto decine e decine di telefonate da colleghi e da imprenditori agricoli che desideravano sapere "a quando la pubblicazione del bando".
    Risposta a tutti: non lo sappiamo. Le disposizioni attuative sono state trasmesse alla Corte dei Conti per la registrazione.
    In teoria il Bando potrebbe anche essere pubblicato già a novembre, ma il problema principale è il SIAN che non è ancora pronto, almeno da informazioni assunte ieri direttamente e personalmente "alla fonte", per cui ... che senso avrebbe pubblicare un Bando che poi non può essere "attivato" dalle imprese, o per il quale impazziremmo per fare le domande al portale SIAN?

    Nei prossimi giorni sapremo qualche notizia in più.
    E da domani pubblicherò "in pillole" ciò che è essenziale sapere della Misura 4.1.

    Nel frattempo pubblico alcuni dati record di accesso al blog.
    Nella giornata di ieri il blog ha avuto 11.241 accessi

    ed il post relativo alla Misura 4.1 6.515 visualizzazioni sul blog

    Il medesimo post sulla mia pagina Facebook ha avuto 7.602 visualizzazioni.

    Evidentemente questa Misura del PSR Sicilia 2014/2020 è molto attesa da tutti.

    E non nascondo che non mi aspettavo questi "numeri"!!

    Agea: dichiarazione vendemmia

    Pubblico la Circolare Agea riguardante il settore VITIVINICOLO - Dichiarazioni obbligatorie di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto della campagna vitivinicola 2016/2017 - Istruzioni applicative generali per la presentazione e la compilazione delle dichiarazioni.

    Qui sotto tutto il provvedimento in formato grafico.

    Agea: Agricoltore in attività

    Pubblico le integrazioni e modificazioni all'all 1 della Circolare Agea  ACIU.2016.121 del 1° marzo 2016, relative all'Agricoltore in attività.

    Qui sotto il provvedimento in formato grafico.

    Evoluzione meteo: calo delle temperature

    La perturbazione annunciata già qualche giorno fa si sta avvicinando alla nostra regione.
    Oggi dovremmo avere l'ultima giornata calda dell'anno 2016, poi un calo delle temperature di 5/8 gradi, e da domani e fino a venerdì piogge.



    meteogramma su Catania







    meteogramma su Palermo

    martedì 25 ottobre 2016

    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 8.1 - forestazione/imboschimento, 3° puntata

    Proseguo la descrizione "in pillole" della Misura 8.1 del PSR Sicilia 2014/2020 - Sostegno alla forestazione e/o all’imboschimento. (parte delle informazioni sono estrapolate in "copia/incolla" dalle disposizioni attuative, pubblicate ieri in formato grafico).

    Costi di manutenzione e mancato reddito agricolo ammessi
    Gli interventi di manutenzione ammessi a sostegno ed i relativi premi previsti sono riportati nell’Allegato 12 al PSR Sicilia 2014-2020, che ho già pubblicato tempo fa, ma che trovate allegati nuovamente qui sotto.

    Spese non ammissibili
    Il sostegno non è concesso per l’apertura e la ripulitura delle fasce parafuoco negli impianti eseguiti con preparazione andante del terreno. 

    Contributo ammissibile
    La  spesa  pubblica  massima  ammissibile  per  progetto  è  di  200.000,00  euro. 
    Per  gli  Enti Pubblici il costo massimo dell’intervento non può superare 1.000.000,00 di euro.

    Il sostegno all’impianto sarà dato nella misura del 100% nel caso di investimenti protettivi e  nella misura del 70% nel caso di impianti produttivi.

    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 4.1

    Ieri sera sul sito internet istituzionale del PSR Sicilia 2014/2020 della regione Sicilia sono state pubblicate le Disposizioni Attuative della Misura 4.1, cioè quella destinata ai miglioramenti fondiari.
    Ecco il comunicato:

    24 ottobre 2016 
    SOTTOMISURA 4.1 – DISPOSIZIONI ATTUATIVE - Con decreto dirigenziale n. 6470 del 24.10.2016 sono state approvate le Disposizioni attuative parte specifica della Sottomisura 4.1 Sostegno a investimenti nelle aziende agricole. Il Decreto e le disposizioni sono stati trasmessi alla Corte dei Conti per il preventivo visto di legittimità.

    Qui sotto pubblico, in formato grafico, il decreto dirigenziale n. 6470 del 24/10/2016 e le disposizioni attuative.

    Programma agricolo in Guinea

    Pubblico un bando di collaborazione in scadenza il 30 ottobre prossimo, della durata di un anno.

    Destinazione e sede: Guinea Bissau, Settore di Bula.

    Scadenza candidature: 30 Ottobre 2016.

    Partenza: 1 Dicembre 2016, accompagnamento e formazione in loco.

    Durata contratto: 1 anno, rinnovabile.

    lunedì 24 ottobre 2016

    In ricordo di Vito Sardo

    Oggi il mio "maestro" prof. dott. agr. Vito Sardo avrebbe compiuto 81 anni.
    Lo voglio ricordare a tutti così: con una fotografia scattata in campagna qualche giorno fa, guardando un erogatore "polyjet".

    Un pensiero ad uno degli agronomi di campo eccellenti della nostra regione, e ad uno degli agronomi più preparati su irrigazione, drenaggio e sistemazione idraulica-agraria.

    La sua mancanza si avverte ...

    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 8.1 - forestazione/imboschimento, 2° puntata

    Continuo oggi la descrizione "in pillole" della Misura 8.1 del PSR Sicilia 2014/2020 - Sostegno alla forestazione e/o all’imboschimento. (parte delle informazioni sono estrapolate in "copia/incolla" dalle disposizioni attuative, pubblicate ieri in formato grafico).

    Investimenti ammissibili
    - Imboschimento:
    Gli impianti potranno essere realizzati in: 
    -  aree a rischio erosione, desertificazione, dissesto idrogeologico; 
    -  pertinenze idrauliche per il consolidamento dei versanti e delle sponde; 
    -  superfici agricole; 
    -  superfici, allo stato, classificate come agricole, ma ritirate dalla produzione o incolte.

    domenica 23 ottobre 2016

    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 8.1 - forestazione/imboschimento

    La Misura 8.1 del PSR Sicilia 2014/2020 è dedicata Sostegno alla forestazione e/o all’imboschimento.
    (parte delle informazioni sono estrapolate in "copia/incolla" dalle disposizioni attuative, pubblicate più sotto in formato grafico).

    La dotazione finanziaria della Misura 8.1 è, per tutto il periodo della programmazione, di € 70.000.000.00.

    Obiettivi della Misura:
    - interventi di imboschimento:
    - interventi di superfici agricole e non agricole
    - interventi per la creazione di aree boscate
    - interventi per il  sostegno alla manutenzione delle aree boscate.

    Impianto di nuovi boschi 8.1a)
    - Imboschimento su  superfici agricole  e  non  agricole,  con  finalità  principalmente  climatico-ambientali, protettive, paesaggistiche e sociali
    - Piantagioni  legnose  su  superfici  agricole  e  non  agricole  con  finalità principalmente produttive

    Manutenzione dei nuovi imboschimenti e mancato reddito agricolo 8.1b)
    -  Manutenzione dei nuovi imboschimenti e mancato reddito agricolo
    L’operazione prevede un aiuto annuale a copertura dei costi di manutenzione finalizzato a favorire la conservazione delle superfici imboschite nel periodo successivo  all’impianto  e  a  garantire  lo sviluppo  equilibrato  delle  piante, evitando situazioni di degrado.
    Il premio per la manutenzione è ammesso per imboschimenti effettuati sia su terreni  agricoli  che  su terreni  non  agricoli.
    Il  premio  annuale  ad  ettaro  dei costi di manutenzione copre un periodo massimo di 12 anni a decorrere dalla data  di  concessione  dell’aiuto  che  si  identifica  con  la  data di  collaudo dell’impianto.
    L’azione prevede il pagamento dei mancati redditi in caso di conversione di un seminativo.

    Beneficiari
    - Proprietari, Possessori e/o Titolari pubblici della gestione della superficie interessata dall’impegno;
    - Proprietari, Possessori e/o Titolari privati della gestione della superficie interessata dall’impegno;
    - Loro Associazioni.

    Requisiti di accesso
    -  le specie devono essere scelte tra quelle che il Piano Forestale Regionale indica per “area  forestale  omogenea  di  riferimento”  e  in  funzione  della  sottoposizione  ad eventuali rischi ambientali specifici
    - il  beneficiario  avrà  l’obbligo  di  curare  e  proteggere  il  nuovo  impianto  per  tutta  la  durata  del  percepimento  del  premio
    - nelle  zone  in  cui  la  forestazione  è  difficile,  a  causa  di  condizioni  pedoclimatiche particolarmente sfavorevoli, è ammesso l’impianto di specie arbustive della macchia mediterranea,  maggiormente  resistenti
    - gli  investimenti  che  prevedono  l’impianto  di  un  nuovo  bosco  con  estensione superiore a 20 ettari accorpati, dovranno rispettare la normativa sulla Valutazione di  Impatto  Ambientale
    - gli interventi che interessano aziende le cui superfici boscate risultino superiori a 30 ettari,  dovranno  presentare  un  Piano  di  Gestione  forestale  o  uno  strumento equivalente;
    - per gli impianti con finalità climatico ambientali conformemente all’art. 6, paragrafo 1, lett. d) del regolamento delegato (UE) n. 807/2014 della Commissione per superfici maggiori  di  10  ettari  deve  essere  prevista  una  mescolanza  di  specie  arboree  che includa:
           - almeno il 75% di latifoglie
           -  un  minimo  di  tre  specie  o  varietà  arboree,  la  meno  abbondante  delle  quali
    costituisce almeno il 10% dell’impianto

    Non  sono  ammissibili  impianti  monospecifici  su  appezzamenti  di  superficie  superiore  a  3 ettari.

    Dalla Misura non sono previsti aiuti per:
    -  per l’impianto di alberi di Natale
    -  agli agricoltori che beneficiano del sostegno al prepensionamento;
    -  per impianti consociati con colture agrarie
    -  per impianti di specie a rapido accrescimento destinati alla produzione di biomassa a solo uso energetico
    -  per impianti di bosco ceduo a rotazione rapida con ciclo produttivo inferiore a otto anni (pioppi, salici, eucalipti, robinie, paulownia, ontani, olmi, platani, Acacia saligna) le cui ceppaie  rimangono nel terreno dopo la ceduazione, con i nuovi polloni che si sviluppano nella stagione successiva
    - gli aiuti alla manutenzione e i mancati redditi agli imboschimenti effettuati su terreni di proprietà pubblica;
    - gli  aiuti  alla  manutenzione  e  i  mancati  redditi  negli  imboschimenti  realizzati  con specie a rapido accrescimento

    ... continua ...

    qui sotto pubblico in formato grafico tutti i documenti relativi alla Misura 8.1


    PSR Sicilia 2014/2020 - Misura 8

    Una decina di giorni fa sul sito del PSR Sicilia 2014/2020, alla sezione "Misure - Aiuti di Stato" sono comparsi alcuni Bandi relativi alla Misura 8, e precisamente:
    - Misura 8.1 - Sostegno alla forestazione/all’imboschimento
    - Misura 8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici
    - Misura 8.4 - Sostegno al ripristino delle foreste danneggiate da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici
    - Misura 8.5 - Aiuti agli investimenti destinati ad accrescere la resilienza e il pregio ambientale degli ecosistemi forestali
    - Misura 8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste

    In calce ad ogni Misura è indicato "I documenti sono in attesa della definizione della procedura di comunicazione in esenzione dalla notifica ai sensi dell’art. 9 del reg. (UE) n. 702/2014".

    Nei prossimi giorni descriverò "in pillole" cosa sono queste Misure, chi può partecipare ai Bandi, qual'è la dotazione finanziaria e quali sono gli interventi previsti.

    sabato 22 ottobre 2016

    Sull'olio di palma, 5° puntata

    Molte persone mi hanno chiesto in questi giorni: ma perchè questi post sull'olio di palma?
    Semplice: ho voluto approfondire un pò (ma proprio poco e davvero l'indispensabile) la conoscenza sull'olio di palma, e soprattutto stimolare i lettori a informarsi su di un prodotto largamente usato e sul quale ultimamente viene fatta informazione ed anche disinformazione.
    La quantità di ettari coltivati, il quantitativo di produzione di olio, l'uso larghissimo dell'olio di palma fa riflettere su "guerre commerciali" a favore e contro, scaturenti da interessi enormi.
    Immaginiamo se nel "pubblico" venisse instillata la pericolosità dell'olio di palma ... ecco che lo stesso andrebbe sostituito da altro prodotto similare che, inevitabilmente, balzerebbe nelle quotazioni e grandi gruppi industriali potrebbero avvantaggiarsene moltissimo.
    E molta informazione e/o disinformazione su questo prodotto è stata già fatta, tant'è che alcune grandi marche alimentari italiane già adesso pubblicizzano i propri prodotti con la scritta "senza olio di palma", dimenticandosi, però, che nel passato recentissimo lo utilizzavano largamente e adesso ... quest'olio sarebbe diventato "un demonio" da allontanare rapidamente!

    In chiusura di questa breve carrellata di post sull'olio di palma, che ripeto è servita solo per attirare l'attenzione su questo prodotto, segnalo alcuni link dove trovate punti di vista diversi:

    Wired - In Italia dilaga il “senza olio di palma”, ma questo non è un bene

    Il Fatto Alimentare - Olio di palma: continua la disinformazione con interviste su Corriere.it, Wired.it, agenzie stampa e altri media

    L'aumento dei prezzi

    Prezzo dei carburanti in salita da diverse settimane, e come sempre ci lamentiamo perchè quando avviene un rincaro del prezzo del petrolio il prezzo alla pompa si adegua subito; non avviene il contrario, però, quando il petrolio è sceso.
    Ormai "il cartello" dei prezzi è assodato. Punto. E nessuno fa qualcosa che possa incidere positivamente a favore dei consumatori.
    Ed infine: la beffa della tassa sulla tassa ... l'IVA sulle accise .... il prezzo netto del gasolio è di € 0,47 al litro, le accise 0,62 €/l e l'IVA 0,24 €/l!!!

    Europa dove sei che non ti vedo!


    Evoluzione meteo

    La perturbazione appena transitata ha portato poche piogge sul nostro territorio.
    Una moderata instabilità potrà far sì che si verifichino alcuni piovaschi, ma di poco conto.
    Fino a giovedì prossimo non sono previste piogge intense, ma un rialzo delle temperature, più deciso nella giornata di mercoledì.

    Cause dell'eccessiva litigiosità

    Ricevo dall'avv. Lina Arena e pubblico.

    Ho letto l'articolo di Orazio Provini sulla Sicilia del  7 settembre scorso  sul tema dell'eccessivo numero di processi civili  pendenti dinnanzi ai nostri Tribunali  e vorrei fare  una piccola notazione  anche per rendere più esaustiva  la risposta.
    Vorrei, in particolare precisare che  le riforme fino ad oggi introdotte e relative alle norme di procedura civile hanno reso più complicati i processi ed incrementato  il numero delle liti invece di diminuirle in quanto lo stesso procedimento preliminare di mediazione , lungi dall'essere spedito e semplice , ha complicato le posizioni delle parti e reso più contorta la formazione del giudizio ai fini delle domande articolate dalle parti.  
    Ma oltre alle ventilate riforme procedurali, credo vi sia  un altro grave motivo che ha incrementato la litigiosità e segnatamente  l'eccessivo numero di leggi  che ha complicato e reso difficili rapporti contrattuali, un tempo, semplici da regolare e da definire. 
    Un esempio è dato dal contratto di locazione che, in questi ultimi anni, ha registrato  una sequela di leggi  regolatrici della formazione del consenso  e della validità del contrattostesso , per cui , ad esempio, la omessa registrazione   può provocare  l'adozione di procedure diverse che oltre al costo possono condurre alla formazione di giudizi finali  molto nocivi per l'economia. 
    Alludo, ad esempio, al canone  modulato su norme diverse  volte a punire una delle parti  contraenti  e che, una volta  applicate, generano contrasti assurdi e  penalizzanti  sia per il proprietario che per l'inquilino. In questi casi, la colpa non è del Bajon bensì degli autori , siano essi politici o redattori ministeriali, che hanno  ritenuto di utilizzare il contratto di locazione per fini  che trascendono il rapporto tra le parti  e lo hanno inserito in quel filone di fiscalità  pubblica  che, una volta applicata, non conosce ragioni nè limiti.
    Altro settore che si potrebbe  segnalare è quello dei contratti bancari  che hanno dato la stura, nel tempo, a norme contraddittorie  e profondamente ingiuste .La concreta applicazione di queste norme  ha arrecato benefici solo alla parte che detiene i cordoni  dei depositi bancari  mentre  ha provocato solo  indignazione e povertà crescente a danno  dei presunti creatori della ricchezza. A questi esempi se ne potrebbero aggiungere altri  al fine di comprendere le ragioni di tanta litigiosità che  impegna  giudici , avvocati e consulenti  in una mole di processi che  hanno condotto non alla pace sociale  ma  solo fomentato  vere e proprie guerre tra poveri.  
    avv. Lina Arena

    venerdì 21 ottobre 2016

    Sull'olio di palma, 4° puntata

    Alcuni sostengono che l'uso massiccio di olio di palma quale combustibile potrebbe compromettere addirittura l'utilizzo alimentare, tanta è la richiesta.
    Ma le preoccupazioni maggiori sembrano essere le nuove piantagioni, effettuate a discapito di un eccessivo disboscamento.
    E su questi eccessivi impianti si sta concentrando l'attività di Greenpeace, che sostiene che si sta celebrando un danno all'ecosistema.
    Altri, invece, hanno "demonizzato" l'utilizzo dell'uso alimentare, ma la questione è ancora aperta, perchè non tutti gli studiosi sono d'accordo.

    Oltre all'olio di palma c'è, come avevo scritto qualche giorno fa, l'olio di palmisti, che è quello derivato dalla polpa del frutto anzichè dal nocciolo; questo olio è più ricco di acidi grassi e contiene meno acido oleico, e viene utilizzato nella ristorazione per prodotti di qualità più scadente proprio per il suo costo più basso.
    L'olio di palmisti anche se ha una elevata resistenza alle alte temperature viene generalmente sconsigliato per la ristorazione.

    ... continua ...

    AGEA: pagamento anticipato - istruzioni operative

    Pubblico le Istruzioni Operative Agea n. 35 del 19 ottobre 2016

    Domanda unica 2016 - pagamento anticipato per i regimi di sostegno degli aiuti diretti di cui all'allegato I del Reg. (UE) n. 1307/2013.



    giovedì 20 ottobre 2016

    La frutticoltura alternativa

    Segnalo che il 22 ed il 23 ottobre prossimo a Milazzo si terrà il 2° incontro nazionale sulla frutticoltura alternativa.

    Si parlerà di mango, papaya, litchi, nespolo del giappone, avocado, finger lime, pitaya, fico d'india, feijoa, melograno, passiflora, guava, macadamia e noce pecan.

    Qui sotto la locandina con i relatori.

    Decreto grano duro

    Pubblico il Decreto Grano Duro.