venerdì 31 ottobre 2008

pizza-blog e l'uomo misterioso

Chi sarà mai l'uomo misterioso che alle 22.30 comparirà in mezzo a noi durante la pizza-blog?
  1. bimbo scemo
  2. turi blogga
  3. don don
  4. alfio
  5. lucio zaia?
  6. il pazzo della 307 (il terrore della tangenziale)?
Intanto ... dopo le 22.30 ... ricchi premi e cotillons!

polvere

Riflessione seria sulla situazione attuale.
Troppe carte, l'abbiamo già detto. Troppe ed anche inutili.
Con chiunque parlo. Tutti si lamentano.
Allora a chi piace tutto ciò?
Sicuramente siamo "stretti" e "pressati" da normative europee folli, dettate ed imposte da chi ha una visione diversa dell'agricoltura.
Ma chi aggiunge tutto il resto?
Chi decide in Europa ... non potrebbe essere contrastato dagli euro-deputati? Cosa fanno questi in cotanto affollamento assembleare? I "pianisti"? Parrebbe di sì.
Siamo davvero stanchi di lottare per ridurre questa inutile mole di carte.
Quelle utili, quelle necessarie ... nessun problema ... ma le altre ... per carità!!!
Su tutte queste carte non si posa più nemmeno la polvere, non ne ha il tempo!
E la parte "tecnica", quella pura, quella di campo ... dov'è è andata a rifugiarsi?
Se tornasse Giulio Del Pelo Pardi ... cambierebbe mestiere!
Tutti quelli che incontro, rammaricandosi di leggermi solo qui e non più sul quotidiano LA SICILIA (come ai bei tempi) mi chiede essenzialmente: "ce la farai da solo a fare qualcosa"?
Io rispondo: "combattiamo!", ma so per certo che non posso da solo lottare un mondo di "inventori cartacei". So che sono malvisto da molti, ma sono sempre gli stessi che davanti mi fanno un sorriso e di dietro me ne dicono 4! (anzi 4 sono poche!). Ma dopo tanti anni ormai ho imparato a conoscerli tutti. E ... "combattiamo". Fin tanto che non stanco, con la speranza che qualcuno prima o poi prenda il mio "posto" e riesca a fare di più.
Meno male che stasera rideremo alla pizza-blog!

pizza blog

L'appuntamento è per stasera alle ore 21.00. Chi ha mandato l'email è stato già avvisato sulla pizzeria ... a stasera!

assemblea regionale agronomi

giovedì 6 novembre 2008 - ore 16.00 presso l’Auditorium del Liceo Scientifico Statale “Alessandro Volta” , Via Libertà, Caltanissetta si svolgerà l’Assemblea Straordinaria aperta a tutti gli iscritti agli Ordini provinciali dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Sicilia su:
CONVENZIONE TRA L’ASSESSORATO REGIONALE DELL’AGRICOLTURA E DELLE FORESTE, IN QUALITÀ DI AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA SVILUPPO RURALE SICILIA 2007/2013, E LA FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA SICILIA
per l’accesso al Portale SIAN relativamente alla presentazione delle “domande di aiuto” e “domande di pagamento” delle misure del PSR Sicilia 2007/2013

giovedì 30 ottobre 2008

quale busta vuole? la 1, la 2, la 3 o la 4?

Inizio con un pò di geografia.
Deggendorf è una cittadina della Baviera (Germania) di 31.421 abitanti, quindi più piccola di Acireale ...
Vi chiederete che c'entra. C'entra, c'entra!!! Guardate che bel centro innevato ... Ritorniamo a noi.
Nella finanziaria 2007 l’Italia si è impegnata a rispettare la sentenza Deggendorf sugli aiuti di Stato illegittimi, e quindi piove sulle nostre teste un'ulteriore dichiarazione da far fare alle ditte che avanzano istanze con POR/PSR.
Ecco che Deggendorf si ricollega alla nostra professione.
Ma il bello dov'è?
Un tempo c'era in televisione un programma di Mike Bongiorno (mi sembra Rischiatutto), nel quale si ripeteva sempre: "quale busta vuole? La n. 1, la 2 o la 3?"
Qui si è superato anche quel programma.
Adesso vi danno 4 dichiarazioni del tipo "quale busta vuoi? La n. 1, la n. 2, la n. 3 o la n. 4?"
Siete voi a scegliere! Una sorta di dichiarazione a quiz!!!! Una bella trovata!!!! Ahhhh, ci voleva proprio, una bella novità! Ci era mancata... Cliccate sotto in una delle 4 dichiarazioni ... quella che preferite la 1, la 2, la 3, la 4!!!!!

pizza blog

Poche ore ci separano dalla pizza blog. Mi spiace che Giovanni Greco e Raffaello Savarese abbiano dato forfait, per motivi validi, ma ciò che mi spiace di più è bimbo_scemo, che attira la curiosità di molti. Domani vi farò sapere la pizzeria, e l'ora la confermo adesso: le 21.00 in punto, prima che .... facciano una proroga all'ultimo minuto! Mi raccomando l'istanza per la comanda del cameriere in 345 copie! (toner permettendo).

telefono occupato

Alle 04.45 il mio telefono di studio occupato. Due pazzi in linea!
Un pazzo ... e sono io!
L'altro?
L'avv. Lina Arena! Una telefonata fino ad adesso ... simpaticissima, commentando i post di turi blogga e di alfio e zorro.
Ora scappo in campagna, prima che ... facciano un altro bando POR infarcito di carte!

domanda all'asl

In questo terreno il proprietario non ha ancora fatto la DIA (Dichiarazione Inizio Attività), ma è già "dismesso" o se volete abbandonato.
Cari burosauri "asliani" che deve fare? La DCA (Dichiarazione Cessata Attività) o la DMIAEGC (Dichiarazione Mai Iniziata Attività E Già Cessata)?
O fa il MUD dichiarando di avere mandato come rifiuto l'intero fondo?
O ... insomma qualunque cosa ... va fatta in 7 copie e ... meglio che non vado oltre, altrimenti qualcuno si sveglia, ci crede, ed emana una bella circolare che fa inserire nel MUD l'azienda agricola abbandonata!
E poi interviene la Soprintendenza per darci dapprima un Parere di Merito Tecnico, poi una Autorizzazione ed infine un Nulla Osta al trasporto dell'azienda alla discarica più vicina, ma non prima di aver letto il "romanzo" "Linee Guida per la Relazione Paesistica" edito dall'ARTA di appena 615 pagine. Poco più di una risma ...
Nel frattempo il Genio Civile vuole i calcoli statici con rendering in 3D, ma l'IPA che fa?
Nulla: revoca solo i contributi elargiti dal 1214 ad oggi, ad esclusione di quelli elargiti durante la 1° e la 2° guerra mondiale, il tutto facendo seguito ad un articolo del R.D. ..... che impone la produzione di una autodichiarazione con la quale il proprietario asseveri di non far parte degli "alabardieri" al servizio del RE!

risvolti del superenalotto

In una ricevitoria (non importa dove e quale) era esposto questo cartello che intimava a non rubare le penne, altrimenti oltre a non vincere ... nientedimeno non può più "accoppiarsi"!
Accoppiarsi? Proprio così! Accoppiarsi!!!
Alla fine ... costui muore!

sms

La signora è stata sorpresa a leggere un sms. Non aveva gli occhiali, ed allungava e avvicinava il cellulare per agevolare la lettura.
E' rimasta ferma un pezzetto, poi ha desistito, ed ha chiamato la persona che aveva mandato l'sms, chiedendo .... qui interviene la privacy.

mercoledì 29 ottobre 2008

i frutti della burocrazia

Verrebbe da scrivere un libro, ma alla fine chi se lo comprerebbe? Siamo così stufi della burocrazia che forse non lo acquisterei nemmeno io stesso! Lo intitoleri "il gioco della corda".
La favola però va raccontata. Ed i frutti della burocrazia raccolti!
Un burocrate si sveglia la mattina e pensa. "Che faccio oggi dopo che non ho avuto rapporti con mia moglie da oltre una settimana?" (solo così si spiega infatti la vicenda!!!) Chiedo a tutti all'impazzata oggi per domani mattina copia dei registri di carico/scarico, formulario dei trattamenti, piano di concimazione e piano di irrigazione vidimato dalla SOAT, MUD".
Fatta la bella pensata telefona e dispone! A lui poco importa che il MUD non è obbligatorio per chi non assume più di 10 persone e per chi non smaltisce rifiuti pericolosi; a lui non importa che il MUD va presentato entro il 30 aprile, e quindi non tutti potrebbero averlo; a lui non importa che il piano di concimazione e di irrigazione vidimato dalle SOAT va fatto solo da chi è in zona vulnerabile a rischio nitrati, e tutti gli altri ne sono "graziati".
A lui tutto ciò non importa. Importa solo chiedere ed avere. Oggi per domani.
Nel pensare e fare ciò, però, incappa in una persona che lo ostacola. Allora si passa alla guerra?
No! Lui insiste; l'altro resiste, e siamo arrivati ad oggi. Così si può giocare a tirare la corda!
Ahhh quanto è distante il mondo burocratico dalla realtà agricola, ma soprattutto quanta poesia in tutte queste inutili disposizioni....
Il binocolo è d'obbligo: solo così possiamo guardare i palazzi a noi ostili, da lontano. Da molto lontano.
(ogni riferimento a persone e cose è volutamente casuale!!!)

pizza

Vi ricordo che per essere presenti, chi non lo avesse fatto, deve mandare una mail. La data si avvicina. Venerdì 31 ottobre alle ore 21.00. Chi arriva alle 21.06 è arrivato in ritardo! Dovrà aspettare il prossimo Bando-pizza!
Quindi ... bimbo scemo, turi blogga, e compagnia bella, compreso alfio e lucio zaia ... mandate questa mail.
Chi l'ha mandata già, è a posto, anche se mi verrebbe un pò di cattiveria e vi vorrei dire: "durava 24 ore! ora dovete rifare la domanda!", altrimenti cosa abbiamo imparato dalla burosauropazzia imperante?

auto o bus?

Un collega posteggia l'auto nella zona riservata alla sosta dei bus, come vedete.
Mi vede fare la foto e dice "ora la metti sul blog".
Io "certo, ma ometterò la targa".
Promessa mantenuta!

cos'è?

L'altro ieri mi sono imbattuto in quest'altra scritta: "Botte di Rover".
Ma la Rover non era fallita, anche se rilevata dalla Tata?
Poi ho capito: era "Botte di Rovere", ma evidentemente ... far finta di parlare inglese ... può attirare qualche acquirente!

attenti alla disposizione

Certo che in giro si legge di tutto.
Cartelli, scritte murali, messaggi.
Questa l'ho trovata in una banca!

martedì 28 ottobre 2008

notizia "bomba"

La richiesta della richiesta del DURC ha avuto una proroga!
L'Inps, con il messaggio n. 23462/2008, ha annunciato che il termine per la trasmissione del modello SC37 (Durc interno) è stato prorogato al 31 dicembre.
Ci sarà una proroga della proroga della richiesta della richiesta?
Mi sembra di leggere messaggi di pazzi!

arance a volontà

Da ieri tutti i mass media gridano "al miracolo" per i pomodori viola ad alto contenuto di antociani.
Perchè mai dovremmo mangiare frutti OGM quando la natura ci ha dato le nostre meravigliose arance rosse, che non hanno nulla da invidiare a queste manipolazioni genetiche?
Facciamo una bella campagna promozionale per le arance rosse, invece di rimanere zitti, attoniti, mentre il mondo ci ingurgita.
Mangiamo le nostre arance rosse, e non cerchiamo altro!

bilancia selvaggia

Ecco pronta la soluzione del Ministro leghista Luca Zaia per lo sforamento delle quote latte.
Cliccate l'immagine e leggete.
Noi non "sforiamo, non diciamo, non facciamo" e forse proprio per questo siamo dimenticati.....il latte pesa più delle arance!

fine di un sogno

Il barattolone di 5 Kg di nutella regalatomi da Paolo Giglio è finito stamattina.
Che tristezza! L'ho aperto il 27 maggio (clicca qui) ed è durato fino ad oggi.
Totale? 5 mesi ed un giorno. Precisamente 155 giorni, ovvero 32,26 grammi in media al giorno!
Ahhhh se avessi fatto una media di 20 grammi! Mi sarebbe durata ancora altri 90 giorni ...
Ho esagerato! Forse a causa di tutte quelle carte dei POR! O il pensiero incipiente della DIA!
A Nembo Kid nemmeno un cucchiaino!

dati pioggia

La pioggia dell'altro ieri (domenica) non è stata ovunque ben distribuita.
I dati rilevati da pluviometri personali di aziende agricole mostrano la grande variabilità fra comuni posti a diversa distanza l'uno con l'altro.
Oggi pomeriggio, stanotte e domani mattina si aspetta altra pioggia.

sedia multiuso

Mentre facevo la foto a questa sedia posta a mò di fermo-porta in un ufficio periferico dell'Assessorato Agricoltura, il funzionario se n'è accorto, ed ha allungato la mano dicendomi: "poi la metti sul blog".
Detto fatto!

attenti al codice de...i pedoni

Non c'è pace nemmeno per i pedoni. I POR insegnano a tutti di far fare cose ... fuori dall'ordinario!

denise fa 8 anni

Un link al blog dell'amico Orazio Vasta.
PICCIRIDDA,AUGURI... DENISE COMPIE 8 ANNI, MAZARA LA RICORDA

risposta al virus dell'arancia pazza 4°

IV ED ULTIMA PUNTATA
Col procedere del mio ragionamento vi darò, sempre più, conto e ragione di questo anomalo percorso per giungere a Taormina anche se sin d’ora emergono fondamentali principi: terapia, eradicazione, prevenzione e previsioni di nuovi scenari e, come diremo qui di seguito, efficacia ed efficienza. Concetti irrinunciabili per risolvere i nostri problemi. E attenzione: ciò è possibile addirittura con meno soldi se prevalgono intelligenza e raziocinio e se ci si libera della stupida burocrazia che tanti funzionari pubblici fa sentire potenti. E qui il richiamo al concetto di efficacia ed efficienza appare più che mai opportuno. Grosso modo alla base del primo vi è il raggiungimento degli obiettivi con il minimo dispendio di energie mentre con l’efficienza, pur raggiungendo gli obiettivi, si prescinde dalla quantità delle risorse impiegate. Quale dei due secondo Voi è stato applicato nella nostra agricoltura? Oppure nessuno dei due? Nella prossima puntata chiameremo i virus o i loro “mutanti” con il proprio nome sottolineando cosa si sarebbe potuto o dovuto fare e cosa si può o si deve fare rispondendo, così, più compiutamente, anche alle domande che ci siamo posti all’inizio. Parleremo di Europa, questa Europa, come burocratificio, stipendificio, teoremificio sempre più lontana dalla realtà delle cose (sono europeista !). Parleremo di globalizzazione e liberalizzazione nonché della scandalosa “forbice” fra i prezzi alla produzione ed i prezzi al consumo (su cui ho una proposta) ma è necessario sapere anche cosa chiedere seriamente e coralmente alla politica, senza escludere l’eventuale rivisitazione di alcuni comportamenti da parte di taluni agricoltori o loro aggregazioni. Il virus resiste? Il farmaco non arriva? La stupidità dilaga? Le fotocopie non uccidono il maledetto patogeno? E noi scriviamo su questo blog! P.S. Di fronte ad un lancinante mal di denti, a causa di una infezione, il medico può fare tre cose: 1) può togliere il dente pur essendo recuperabile (eliminare o marginalizzare l’agricoltura); 2) può prescrivere l’analgesico (prorogare le scadenze dei credit agrari); 3) può prescrivere l’antibiotico ( programmare finanziamenti strutturali). Tutti e tre questi interventi sono sbagliati. La scelta giusta sta nella combinazione dei punti 2 e 3. L’antibiotico ha bisogno di tempo per manifestare i suoi effetti e nel frattempo il paziente potrebbe morire di dolore (il direttore di banca attiva le procedure per il protesto). L’analgesico allevia il dolore ma senza l’antibiotico si ripresenta (alla nuova scadenza, già prorogata, di nuovo mancano i soldi).

lunedì 27 ottobre 2008

ringraziamento pubblico

Così come per le cose che non vanno, anche quelle che "vanno" debbono essere pubblicate ad alta voce.
Debbo fare un ringraziamento pubblico al dott. Sergio Pollina, Ispettore Provinciale dell'Agricoltura di Siracusa.
Venerdì scorso nel corso di una conversazione nella quale mi lamentavo fortemente di quella dicitura che noi professionisti dobbiamo citare nelle nostre quietanze liberatorie dei POR per le nostre fatture ("... alcun gravame discendente da patto di riservato dominio o da diritto di prelazione...") mi ha rassicurato che si tratta di una cosa da non fare per le nostre fatture, e che avrebbe avvisato tutti gli Uffici sottoposti a non richiedere tale inutile ed assurdo adempimento.
Grazie dott. Pollina, grazie.
Ogni tanto una buona notizia; ogni tanto qualcuno che ci viene incontro.
Grazie ancora.

dedicato a bertolaso

Questa immagine la dedico al Capo della Protezione Civile Bertolaso, che ad ogni alluvione si lamenta del fatto che "si è edificato in maniera sconsiderata".
Sarà in parte vero, ma guardate questa foto. E' sempre il fiume Costanzo (Francofonte - SR), all'interno del quale ... proliferano piante, arbusti, e quando pioverà ... APRITI CIELO!!!!! Le piante ostruiranno il passaggio dell'acqua e questa si riverserà nei campi facendo danno.
Poi verrà qualcuno a "sgridarci"!!!!!
Benvenuto Bertolaso!

e la resurrezione?

Ogni giorno in Tangenziale a Catania è così! UNA PASSIONE!
Quando ci sarà la RISURREZIONE???
ASPETTIAMO!

retta via o via retta

Da oggi il blog riprende la retta via o la via retta, per raccontarvi ciò che succede ogni giorno, non solo nel nostro mondo professionale, ma anche nella vita di ogni giorno "all'uomo della strada".
Rimane l'amarezza di constatare che esiste un apparato burocratico distante dai problemi professionali, lontanissimo dal mondo agricolo produttivo.
Resta il fatto che per oltre due settimane ci siamo divertiti a divagare sulle follie burocratiche, sulle assurdità e sulle amenità che contraddistinguono le nostre giornate.
Da oggi, quindi, riprendo a pubblicare foto, commenti, email, di tuttoi, di tutto e di più.

suggerimenti por/psr

Ricevo da un collega e pubblico. Caro Dr. Vigo, Lei mi deve consentire di dire la mia. Io sono un agronomo attento e sensibile alle direttive dell'amministarzione relativamente ai bandi POR. Pertanto anzichè polemizzare mi sono organizzato per il prossimo bando in modo da essere preparato e soprattutto efficiente, Le spiego:
  • Da un amico ingegnere mi sono fatto fare un calcolo matematico che preveda le variabili possibili che possano ostacolare il mio percorso dallo studio alla posta;
  • Da un amico chimico-farmacista, mi sono fatto dare una pozione che mi dovra' tenere lucido durante la mia permanenza alla posta onde evitare di commettere errori;
  • Da un amico fisico-nucleare mi sono fatto dare una bilancia di altissima precisione poichè le competenze tecniche verranno calcolate in base al peso del singolo foglio, dato che tutto questo lavoro per un trattore non mi dà il giusto compenso;
  • Da un amico alla DIA mi sono fatto dare delle micro-spie da inserire nel plico che mandando un segnale al satellite e poi da questo al mio tom tom così riesco a sapere l'esatta posizione della mia pratica;
  • Un amico alla NASA mi ha dato un orologio atomico in modo da determinare i millesimi di secondo;
  • Ho comprato una poltrona di quelle che fa i massaggi e da un'amico gli ho fatto apportare una modifica in modo che i massaggi vengano fatti anche alla mano destra. Dici ma che c'entra. c'entra, c'entra vorrei vedere come si fa a mettere tutte quelle firme stando in tensione, l'ultimo bando ho dovuto chiamare un amico fisioterapista;
  • Infine ho deciso di collaborare dividendo i miei compensi, con un amico che ha visto circa 50 volte missione impossibile con Tom Cruise.
Dici ma cosa c'entra. C'entra, C'entra. Vede Caro Dottore, una volta stabilita la natura della documentazione necessaria, onde evitare lunghe attese per richieste e procedure burocratiche che faranno perdere tempo, lui di notte si calerà negli uffici dal tetto e abilmente cercherà di tirare fuori il necessario. Come vede, ci si può organizzare di conseguenza.

risposta al virus dell'arancia pazza 3°

III PUNTATA
Oltretutto, in agricoltura sarebbe più semplice prevedere e prevenire perché le “mutazioni” sono quasi sempre la conseguenza prossima o futura delle decisioni politiche nazionali e soprannazionali. Il fatto è un altro. A chi interessa l’agricoltura ed i suoi virus? Dove sono gli uomini preparati nelle “fabbriche” della burocrazia e delle segreterie politiche? Eppure l’agricoltura è un bene sociale, ha rappresentato da sempre e rappresenta ancora la più grande polizza assicurativa di uno Stato ed è il primo soggetto a garantire la tutela del territorio concretamente. Oppure, oggi, non è più tempo di temere “carestie” grazie alla Cina, ad una certa Africa, a certe Americhe ecc. che assicurano il nutrimento (o l’avvelenamento) agli italiani ed agli europei e, circa la difesa del territorio, ci pensa, ormai, Pecoraio Scanio? La verità è che la nostra agricoltura è un po’ come la salute: ci si accorge quanto sia preziosa quando non la si ha più! Consentitemi, ora, di fare un salto a Castiglione di Sicilia prima di prendere la discesa per Taormina. Il concetto di Eradicazione. Vi sarete chiesti come mai sul “bugiardino” di alcuni farmaci (soprattutto antibiotici) spesso trovate la seguente avvertenza (più o meno):: continuare la terapia per 24 ore anche dopo la scomparsa dei sintomi. Non vi annoierò sul significato di questa avvertenza ma alla base vi è il concetto di eradicazione della causa e la totale remissione dell’organismo da quell’evento ed evitare pericolose ricadute per la presenza di qualche “ceppo” che si è mostrato “resistente” e che alla sospensione “precoce”della cura si troverebbe a pascolare e svilupparsi senza concorrenti. Ma voi ricordate qualche intervento agricolo che abbia fatto scomparire i sintomi? Personalmente non ricordo neanche di avere registrato iniziative che abbiano dato solo segnali positivi sui sintomi. Altro che continuare anche nelle 24 ore successive ….. ! Questa avvertenza ed altri comportamenti fin qui in parola, andrebbero copiati tali e quali per curare il virus dell’arancia pazza e di tutti gli altri virus agresti. La immaginate (anzi non bisogna immaginare nulla perché è tutto vivente) un’agricoltura mai guarita dalla disorganizzazione di mercato, dalle carenze infrastrutturali, dalla presenza di cooperative e associazioni inutili (che, spesso, si sono mangiate anche quelle buone) dove arrivano al pascolo pecore cinesi, africane, americane ed il gregge della generale libera concorrenza? Ovviamente, qui, oltre all’incapacità reattiva dell’agricoltura i cui mali non sono mai stati eradicati, c’è anche la politica. (continua)

statistiche blog

Ecco le statistiche degli accessi al blog nella settimana scorsa. Era logico che dopo l'euforia POR si sarebbe tornati piano piano alla normalità. Rimane strano che il mercoledì ... ci siano più accessi degli altri giorni. Il sabato e la domenica, anzi, sono elevati!

veterinario

Non ci sarebbe alcun bisogno di commentare questa foto, ma mi pare geniale!

domenica 26 ottobre 2008

pioggia

Finalmente è piovuto, un pò su tutta la Sicilia. Era ora!
Non so quanti mm di pioggia ha fatto. Ve lo dirò domani.
Intanto le temperature sono scese, almeno di un 3-4 °C.
Ma l'acqua di oggi certamente non basta, non basta nemmeno a dimenticare che irrighiamo incessantemente dal mese di marzo: otto mesi di fila! Otto mesi! Se non è siccità questa ....

attenti a palpare

Un amico milanese mi ha mandato questa foto scattata in un supermercato della zona.
Lui, catanese di origine, vive e lavora lì, ma mi segue sul blog.
Così mi ha mandato la foto di questo bel cartello, che farà felice l'avv. Lina Arena.

pizza blog

Ho pensato di fare una "pizza blog".
Quando frequentavo, ormai tanti anni fa, lo "STUDIO SARDO" facevamo spesso la "pizza studio".
Ora vorrei fare lo stesso venerdì 31 ottobre; vorrei andare a pizza con gli "affezionati" del blog, come Lina Arena, Paolo Giglio, Bruno Barbagallo, Raffello Savarese, Gaetano Cancellieri, Delfo Fusillo, Pascal Giuliano, Orazio Vasta, Filippo Bottini, bimbo scemo (così sappiamo chi è), Luther Blisset (da Palermo), don don, massaro peppe, brancolatore, zorro, alfio, ed anche Lucio Zaia, sì anche lui, e tutti gli altri ... E' gradita la presenza del Presidente dell'EPAP Arcangelo Pirrello.
Chi ci sta ... mi mandi una email, perchè se saremo in tanti bisogna prenotare.
Fate attenzione, però: dovete venire tutti muniti di registro carico e scarico, patentino fitosanitari, poi una autodichiarazione dalla quale si evince che non abitate in zona vulnerabile ai ratti, e che ne garantite il loro benessere, e che non ricadete in zone SIC e ZPS!!!!
Il cameriere, nel prendere la comanda, procederà a farvi firmare l'autorizzazione al trattamento dei dati, pena l'annullamento stesso della comanda, salvo fare ricorso gerarchico al cassiere del locale, e poi al titolare, ed infine al presidente della Confcommercio.
Siccome molti di voi non porteranno la marca da bollo, preparatevi alla oblazione del conto "alla romana", previo visto di conformità dell'Ufficio Relazioni con Pubblico del SUALP, con tanto di visto SIAN, ASL. Mi raccomando vorrei in copia conforme in DURC, ed anche l'antisofisticazione enologica!
Chi vuole esserci mi mandi una email con nome cognome (senza C.F., senza P.IVA, senza REA, senza n. DIA) e risponderò indicando l'ora ed il locale. Nembo Kid non può venire, non lo voglio! Ha già fatto tanto male all'agrumicoltura Siciliana!

risposta al virus dell'arancia pazza 2°

II PUNTATA (=>I PUNTATA<=)
....Di qui la ricerca di nuovi antibiotici. Di qui la pratica di variare i principi attivi e di utilizzare contestualmente più di un principio attivo con meccanismi d’azione diversi e ciò per “confondere” il microrganismo nel mettere a punto le sue resistenze. Ed ecco il primo collegamento con la realtà agricola: 1) calibrare gli interventi per tipologia aziendale con diverse sensibilità e 2) evitare gli interventi “monotoni”, quasi mai, fra l’altro, ancorati a veri progetti aziendali innovativi e spesso intempestivi, poichè se all’inizio davano qualche reazione, ( appunto, dopo genera)nel tempo i “patogeni” dell’agricoltura hanno subito “mutazioni” e sono divenuti insensibili a quegli interventi mentre, nel frattempo, nuovi meccanismi soprannazionali hanno condizionato l’agricoltura e la hanno trovato debole. Chi può affermare, in generale, che ,oggi, l’incentivo per l’acquisto di un trattore, il credito agrario agevolato, il “ristoro” per danni atmosferici (tempi infiniti e quasi sempre fondi insufficienti) rappresentino, da soli, interventi significativi senza potere, poi, vendere le arance perché nulla è stato fatto per il mercato? Ed ecco un secondo collegamento con principi attivi nuovi o con la somministrazione contestuale di più principi per tenere alta la sensibilità e reattività delle aziende agli interventi. Ma anche prevedere nuovi scenari per preparare, almeno concettualmente, le strategie da attuare nel futuro, almeno quello prossimo. Analogamente a quanto fa la ricerca farmaceutica che continua a lavorare per trovare nuove molecole non solo per migliorare qualità ed azione dei farmaci ma, soprattutto, per ostacolare le resistenze o per averle a disposizione in caso di mutazioni e conseguenti insensibilità verso i farmaci già conosciuti ed utilizzati. E ciò perché lo sviluppo di un farmaco richiede almeno dieci anni e sarebbe disastroso partire nel momento in cui si scopre la mutazione. Notate che tipo di strategia di cura e prevenzione? Vi pare che la strategia di cura e prevenzione nei confronti del “virus” di Corrado Vigo sia la stessa?
(continua)

sabato 25 ottobre 2008

e oggi? che delusione!

Oggi è il 25 ottobre.
Questo furgoncino era a Catania in Viale Mario Rapisardi.
Dentro aveva pratiche di POR in gita da 12 giorni o i soldi della super vincita al superenalotto?
Pratiche dei POR stanche di essere sbattute a destra e a manca per la città!
Che delusione ... oggi l'IPA è chiusa.
Ops, dimenticavo: che ora era? Le 9.37! Troppo tardi!
Ecco perchè le portano in gita!

numeri ballerini

Parlando con molti colleghi ho condiviso la stranezza dei numeri, da me rinominati "numeri ballerini".
Il POR che ci ha fatto tanto impazzire, ma mai ridere tanto, era Misura 4.06.
Mentre facevamo le fotocopie pensavamo all'orario di partenza, che poteva essere le 8.06.
Nella confusione di tutte quelle carte non sappiamo più se abbiamo partecipato al bando Misura 8.06 ed inviato la pratica alle 4.06, o abbiamo partecipato al bando Misura 4.06 e la pratica è stata inviata alle ore 8.06.
Il panico ... i numeri ... ma alla fine la ragione vince su tutto: tranquilli.
Il bando era per la Misura 4.06, l'inoltro era alle 8.06, ma ciò che non cambia sono le carte: da 600 a 800 fogli per un peso di circa 2 Kg.!!!

fine dell'ora legale

Stanotte finisce l'ora legale.
Ricordatevi di spostare di un'ora indietro le lancette.
Ma ... avete fatto istanza per poter fare ciò, allegando una copia dell'ultima analisi del sangue, dalla quale si evince che i globuli rossi avevano presentato il MUD, ed i globuli bianchi dichiarano a loro volta di garantire il benessere delle piastrine?
Fate attenzione, nell'ultima Gazzetta Ufficiale del Blog esiste una circolare che impone anche una autodichiarazione con la quale vi impegnate a spostare le lancette esclusivamente alle ore 02.30 di domenica, pena l'aumento del colesterolo, e con la quale dichiarate che non vi siete riprodotti nell'ultimo quinquennio, e vi impegnate a non riprodurvi per i prossimi dieci anni, dopo aver fatto apporre il visto all'ASL nel vostro quaderno di nottata .... e chi più ne ha ne metta, tanto ormai è una gara alle cose più assurde!

via il prezzario

Questa non è una provocazione, ma una proposta.
A che serve il prezzario? Ormai a nulla. Quindi eliminiamolo!
Innanzi tutto non è aggiornato. Poi non riporta voci indispensabili, es. sfiati, es. impianti a goccia a forfait, mentre ne riporta altre assurde quali l'impianto di irrigazione "a sorsi" non più in produzione dal 1988.
Inoltre per ogni progetto, ormai, a collaudo dobbiamo:
  • produrre fattura del bene acquistato
  • bonifico (o altra dimostrazione di pagamento)
  • quietanza liberatoria della fattura
  • certificazione nella quale sono individuate tutte le voci realmente acquistate ed utilizzate

A questo punto a che serve fare un computo metrico col prezzario? A collaudo non potremo mai rispettarlo. Non solo, ma l'Amministrazione Regionale vuole il controllo del controllo del controllo! Vi faccio un altro esempio: la potatura straordinaria negli agrumeti. Invece di poter utilizzare la "semplice" voce Z.2.1.1, che con un rigo di computo metrico riusciva a condensare tutta l'operazione, voce "tirata fuori" dall'Assessorato nel prezzario, a collaudo mi si chiede (ovviamente dopo 5 anni dall'evento):

  • relazione tecnica giustificativa dell'operazione, con il dettaglio delle spese sostenute per l'operazione della potatura, raffrontando le giornate lavorative dell'anno prima dell'evento, e poi per tutti gli anni successivi all'evento
  • copia di tutte le assunzioni e dei licenziamenti e relativa dimostrazione dell'invio degli stessi
  • durc

Così al posto di un solo rigo in computo metrico, proprio in questi giorni, ho prodotto oltre 120 fogli di inutile carta. A questo punto mi chiedo davvero convinto: a che serve il prezzario? I progetti facciamoli tutti con i preventivi e basta. Tanto poi dobbiamo giustificare ogni singolo pelo. Ed aggiungo: accettiamo la cosa così com'è, prima che ci faranno giustificare ogni pelo, ma non prima di averlo passato allo spettrofotometro ad assorbimento atomico.

risposta al virus dell'arancia pazza

Ricevo da un collega e pubblico "a puntate". All'ultima puntata, se il collega vorrà, metterò anche nome e cognome.
I PUNTATA
Oggetto: Il virus di Corrado Vigo è un “mutante”, ha acquisito resistenza: occorre un nuovo principio attivo (nuova terapia). Ci sono virus e virus. Quello arancicolo (meglio virus agreste) è tutto sommato, il più semplice da aggredire poiché il suo meccanismo d’azione è noto a differenza di molti altri virus che vanno prima studiati e poi compresi. Eppur resiste ed acquista anno dopo anno maggiore virulenza. Ma perché? Chi lo vuole? Oppure chi è così distratto da sottovalutarne il pericolo? Oppure, ancora, dove sta l’incompetenza e/o l’inadempienza? Il discorso sarebbe molto lungo ed in questa sede la sintesi è d’obbligo anche se posso rispettarla solo in parte perché sto per chiederVi il permesso di farmi giungere a Taormina passando da Randazzo e Castiglione di Sicilia. Ma perché questo percorso così insolito? Perché voglio fare un paragone fra “mutazioni geniche” (tutta colpa di Corrado Vigo che mi ha trascinato su questo terreno), strategia di contrasto delle loro resistenze per i virus veri e ciò che si fa per i virus agresti. Virologi e batteriologi, sia nel campo delle patologie animali che in fitopatologia, sono costantemente impegnati ad affrontare le cosiddette “resistenze”, frutto, appunto, delle “mutazioni geniche” (in realtà la “resistenza” può anche essere legata ad un semplice adattamento metabolico senza alcuna modificazione di geni, ma per i nostri scopi va bene così). L’enorme mole di principi attivi, con analoghi effetti terapeutici, sia nelle patologie animali che vegetali, oltre che giustificarsi con l’esigenza di tenere conto delle eventuali sensibilità soggettive verso un determinato principio attivo (vedi sensibilità alle penicilline, aspirina ed altri FANS, Fitotossicità di alcuni fitofarmaci ecc.), si giustifica, soprattutto, con il delicato fenomeno delle mutazioni che conferiscono resistenza. L’uso indiscriminato delle penicilline nel dopo guerra ha innescato una serie di mutazioni batteriche che hanno reso questo prezioso farmaco non solo inutile ma pericolosissimo.Di qui la ricerca di nuovi antibiotici. ...... (continua)

venerdì 24 ottobre 2008

por: avanti c'è posto

Non ci crederete, ma oggi ho incontrato un postino all'IPA di Siracusa. Consegnava pratiche POR. Aveva la faccia stanca, quasi a dire "non se ne può più".
O i pacchi erano molto pesanti ed hanno impiegato più tempo, o le ditte hanno aspettato il DURC prima di inviare il plico.

nuove modalità per la trasmissione delle pratiche por???

Ricevo da un collega, che vuole rimanere anonimo e pubblico; in calce un mio commento.
Caro Corrado,
hai già ampiamente espresso le abnormità presenti nell'ultimo bando POR, che mi è piaciuto che lo hai chiamato "bando sveltina".
A me non è piaciuto il modo di trasmettere i plichi con i documenti. E' possibile che non c'era un altro modo più lineare? Prima o poi ci chiederanno di farle lanciare con gli elicotteri della Forestale.
Grazie per le cose che scrivi ed anche perchè non ti nascondi dietro "il dito".
Ciao
Caro XXXX,
sorrido al pensiero di ciò che mi hai scritto. Immagino un elicottero che si alza in volo, si avvicina all'IPA, ad es. di Catania, e lancia le pratiche. E se c'è vento da est e le pratiche vanno agli Uffici della Motorizzazione? E se, invece, a Siracusa vanno a cadere nell'Ufficio ICI del Comune?
Come faremo a prevedere il vento? E poi ... arriverebbero prima le pratiche più pesanti! Quindi più carta ... prima arrivo!!!! Hai svelato l'arcano dell'enorme quantità di carte richieste!
No, caro XXXX, questa strada è impercorribile, ma proprio per questo possono esserci grandi possibilità che venga proposta ed attuata.